Non sempre il progresso porta a qualcosa di positivo, anzi, c’è la preoccupazione di un nuovo satellite spia, ecco perché

Capella Space: il satellite commerciale in grado di spiarti in casa
Satellite (Fonte foto: Pixabay)

Preoccupazione da parte degli esperti. Se è vero che il progresso consente sempre più velocemente cose ritenute impossibili fino a qualche anno fa, è anche vero che bisogna fare attenzione a chi, il progresso lo gestisce.

Sarà anche il caso del satellite lanciato in orbita da Capella Space, che ha mandato nello spazio la prima macchina in grado di restituire immagini in altissima risoluzione della superficie terrestre. E se vi spiasse in casa?

Leggi anche>>> Infermieri positivi in corsia: ora rischiano 12 anni di carcere

Leggi anche>>> Alberto Genovese: “da 100mila euro a..” la sorprendente verità sui soldi che aveva

Satellite così potente che potrebbe essere una spia

Non creiamo allarmismi inutili, ma studiamo con cura, cosa sarebbe in grado di fare, questo satellite commerciale. 107 chili di peso, ha una risoluzione di 50X50 cm, la massima in assoluto sin ora scoperta e messa su un macchinario. La società costruttrice però, dice che è addirittura in grado di fornire immagini di 25 per 25 centimetri con una larghezza di banda di 500 MHz espandibile fino a 1,2 Ghz.

Questa tecnologia, chiamata Synthetic Aperture Radar (Sar), non è altro che un radar con apertura sintetica, utilizzata per lo studio di fenomeni naturali e rilevamenti per quanto riguarda le costruzioni cittadine. La differenza con i sensori ottici, sta nella completa possibilità di osservare gli oggetti, anche attraverso smog, nuvole o nebbia. Per adesso comunque, non è ritenuta capace di ‘lanciare lo sguardo’, oltre le mura domestiche.

I dubbi sulla sicurezza comunque restano, per la libera vendita delle immagini, da parte della start up americana. Infatti, dal web, sarà possibile acquistare e richiedere nuove acquisizioni, per le riprese di una piccola porzione di superficie della Terra, per quei clienti interessati a valutare danni ambientali o nella ricerca pre-edilizia, nonché per la ricerca mineraria. Non è escluso però che i Servizi Segreti vogliano accedere alle stesse immagini, in grado di distinguere benissimo veicoli e persone su strada.