Cosa accade in caso in cui il destinatario della cartella esattoriale sia irreperibile? La Cassazione ha fatto chiarezza.

cartella esattoriale nulla
Fonte Pixabay

L’eccezione che viene più sollevata, quando viene depositato un ricorso tributario, è la mancata notifica della cartella di pagamento.

Spesse volte è vero, altre è un espediente della parte, se si tenta la sorte, magari l’Agenzia non riesce a fornire la prova dell’avvenuta notificazione, infatti, con questa ipotesi, il passare del tempo fa prescrivere il diritto di pretesa dell’Agenzia delle Entrate e, pertanto, si annulla la cartella.

Per quanto riguarda la notificazione delle cartelle al contribuente si applica l’art. 60 del D.P.R.  n.600/ 1973, e va effettuata dai messi notificatori o speciali. Tale disposizione indica in maniera chiara e precisa tutte le attività che questi ultimi devono svolgere, sia se trovano il diretto interessato sia in mancanza.

LEGGI ANCHE >>> Buono Esselunga 500 euro, occhio al falso messaggio whatsapp

Cartella esattoriale nulla: ecco perchè

Nel mondo giuridico, in tema di notifica, esistono due tipi di irreperibilità: l’irreperibilità relativa e l’irreperibilità assoluta.

L’irreperibilità eelativa si ha quando non è possibile la notifica per irreperibilità, incapacità o rifiuto del destinatario ed in questo caso l’ufficiale giudiziario affigge avviso preso l’abitazione, e lo comunica al contribuente a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno. Successivamente, l’UG.G deposita, poi l’atto presso la Casa Comunale.

Si parla di irreperibilità assoluta, quando nel comune dove di deve fare la notifica, non risulta abitazione e/o ufficio del contribuente.

La Corte di Cassazione con ordinanza n. 28154 del 10 dicembre, si è espressa in tema irreperibilità assoluta.

Il caso di specie riguarda un contribuente cui il messo notificatore, non trovandolo aveva rilevato l’irreperibilità assoluta del destinatario.

La Corte ha chiarito che quando si verifica un caso di irreperibilità l’ufficiale giudiziario deve svolgere le indagini del caso, ovvero deve effettuare ricerche presso il Comune.

Quindi, secondo l’ultimo orientamento della Cassazione, devono essere considerate illegittime le notifiche delle cartelle esattoriali se il messo notificatore non svolge le opportune ricerche, limitandosi ad applicare la irreperibilità assoluta.