Non a tutti capita di scoprire in diretta TV di aver guadagnato 6,5 miliardi in 3 secondi ma è quello che è capitato a Brian Chesky. Chi è?

Durante l’intervista a Bloomerg, Brian Chesky, Ceo e fondatore di Airbnb, ha scoperto che il valore delle azioni della sua società era schizzato da un +112,8 per cento a 101 miliardi di dollari.

Airbnb, ad oggi, è la più grande azienda di viaggi al mondo che mette in contatto persone in cerca di un alloggio per brevi periodi.

Chesky ha commentato queste cifre dichiarando emozionato che “È la prima volta che sento questo numero”.

LEGGI ANCHE >>> Il Governo ci nasconde qualcosa: Natale e Capodanno in zona rossa

Airbnb: come è nata l’idea di Brian Chesky?

Brian Chesky è nato nel 1981 vicino a New York dove ha studiato design.

Chesky fondò l’azienda, insieme ai soci Joe Gebbia e Nate Blecharczyk, mentre lavorava come designer a Los Angles, dove guadagnava circa 40mila dollari l’anno e condivideva un appartamento in affitto con Gebbia, conosciuto negli anni dell’università.

Durante un’importante conferenza annuale di design c’era grande richiesta di camere in affitto a San Francisco, e i due coinquilini comprarono un paio di materassi gonfiabili e affittarono per qualche giorno parte del loro appartamento a tre “ospiti” interessati a seguire la conferenza senza pagare troppo per una camera d’albergo.

I tre fondatori decisero anzitutto di concentrarsi sull’offerta di letti e stanze in grandi città in cui c’erano grandi eventi. Inizialmente la richiesta riguardava per lo più affittia breve termine, in seguito, decisero di ampliare l’offerta anche ad altri luoghi, anche più remoti.

Negli anni della recessione Airbnb divenne uno dei più concreti ed efficaci esempi di sharing economy e fu per molti un’ancora di salvezza: chi offriva appartamenti o stanze permetteva  di guadagnare con facilità, lasciando ad Airbnb circa il 15 per cento del prezzo d’affitto.

Airbnb crebbe tanto e in fretta, aggiungendo negli anni anche opzioni strane e lussuose e soluzioni per ogni tipo di gusto e portafoglio, permettendo a diversi affittuari di crearsi una vera e propria attività interna alla piattaforma, vivendo delle rendite generate da più di un appartamento.