Con il saldo in scadenza il 16 dicembre, si verseranno 9,9 miliardi di euro per l’Imu. Il gettito complessivo annuo sarà di 19,9 miliardi di euro.

salasso Imu
Fonte: Pixabay

Arriva il salasso di Natale. E si riferisce al pagamento del saldo Imu per gli oltre 25 milioni di di proprietari di immobili diversi dall’abitazione principale. Per il 41% sono lavoratori dipendenti e pensionati. È quanto emerge dal Rapporto IMU 2020 elaborato dal Servizio UIL Lavoro, Coesione e Territorio.

Il costo medio complessivo dell’IMU su una «seconda casa», ubicata in un capoluogo di provincia– spiega Ivana Veronese, Segretaria Confederale UILsarà di 1.070 euro medi (535 euro da versare con la rata di dicembre) con punte di oltre 2 mila euro nelle grandi città”.

Se si prendono in considerazione i costi IMU sulle prime case cosiddette di lusso, comprese ville e castelli, ubicate sempre in un capoluogo di provincia, il costo medio è di 2.610 euro con punte massime di oltre 6 mila euro nelle grandi città.

LEGGI ANCHE >>> 12 milioni di cartelle esattoriali pronte a ripartire, quando arriverà la botta

LEGGI ANCHE >>> Il Covid uccide le tredicesime: in fumo per tasse e bollette

Imu, il costo per le seconde case nelle maggiori città secondo l’analisi Uil

Secondo i risultati del rapporto, il costo maggiore in valore assoluto per una seconda casa a disposizione si registra a Roma con 2.064 euro medi; a Milano, invece, si pagheranno 2.040 euro medi; a Bologna 2.038 euro; a Genova 1.775 euro; a Torino 1.745 euro.

Valori più mitigati, invece, ad Asti con un costo medio di 580 euro; a Gorizia con 582 euro; a Catanzaro con 659 euro; a Crotone con 672 euro; a Sondrio con 674 euro.

Il tema della tassazione degli immobili è tornato nel dibattito politico anche per una proposta di patrimoniale al vaglio del Parlamento sotto forma di emendamento legato alla Legge di Bilancio in discussione in questi giorni. Per la Uilsarebbe opportuno che le modifiche dell’IMU venissero apportate organicamente riaprendo il ‘cantiere’ del federalismo fiscale, ormai interrotto da qualche anno, all’interno della più ampia riforma del fisco. Sarebbe necessaria una riforma del catasto in grado di riportare equità nella tassazione sul mattone, annunciata più volte nel corso degli ultimi anni”.