Dai prossimi regali di Natale agli acquisti per le spese delle feste, quanto sono cambiati i nostri consumi a causa del Covid

Covid e consumi: quanto sono cambiate le nostre abitudini
Un pagamento in cassa (Fonte foto: web)

Un anno che ha cambiato indissolubilmente le nostre vite. L’arrivo del Coronavirus ha totalmente cambiato anche le abitudini degli italiani e con esse i consumi. Anche le spese natalizie cambieranno, tra cene e regali, saranno meno sfavillanti.

La ricerca sulle spese degli italiani, è stata condotta dall’’Osservatorio Deloitte Global State of Consumer Tracker. Non preoccupa totalmente chi possiede un negozio ed ha bisogno di una ripresa, ma per ora, non sarà netta.

Leggi anche >>> Nuovo bonus in arrivo: ti spetta se fai questo lavoro

Leggi anche >>> Evade i domiciliari per giocare al Gratta e Vinci: fermato

Consumi ai tempi del Covid, gli italiani stanno più attenti

La seconda ondata di Covid-19, non ha reso le cose facili. Tra mini lockdown ed ansia di uscire per non contrarre il virus, gli italiani sono molto più attenti e restii, anche per le imminenti festività natalizie. In ordine, tra le preoccupazioni dei cittadini, troviamo: preoccupazioni finanziarie (47%); timori di disordini sociali (38%); preoccupazione per il proprio posto di lavoro (40%) e timore che i risparmi non possano bastare (42%).

Così gli italiani, preferiranno agire per le varie spese da tenersi durante le festività:

  • Poco meno dell’80% dei consumatori ridurrà la propria spesa per il periodo di Natale;
  • Il 20% dei consumatori preferirà aspettare i saldi di gennaio 2021 per effettuare spese di Natale;
  • Un 32% dei consumatori che effettueranno le spese di Natale, cercheranno l’offerta del momento;
  • Per famiglia, gli italiani conteranno di spendere 255 euro circa e soprattutto i consumatori con reddito medio, effettueranno tagli alle spese di questo periodo;
  • L’11% degli intervistati ha detto che quest’anno non si faranno regali. Il 58% degli over 55 e il 35% dei 35-54 sono tra coloro che si asterranno.

Per quanto riguarda gli acquisti di Natale, ecco come ci comporteremo. Il 50% totale sarà indirizzato ai regali. Il 45% invece, preferisce concentrarsi su cibo e bevande, specie per i cenoni.

Per quanto riguarda i regali, le categorie più gettonate saranno: abbigliamento e accessori; cosmetici e profumi; cibo e bevande gourmet.