Uno studio di Itinerari Previdenziali mette in luce che a pagare le tasse è solo il 40% della popolazione mentre il restante 60% è totalmente a carico della collettività. E intanto impazza il dibattito sulla patrimoniale.

patrimoniale
Fonte: Pixabay

C’è uno studio di Itinerari Previdenziali redatto dagli esperti Alberto Brambilla e Paolo Novati che svolge una indagine conoscitiva sulle dichiarazioni dei redditi ai fini Irpef su dati 2018. Ebbene nelle motivazioni che soggiacciono allo studio i due esperti evidenziano come sia solo il 40% della popolazione che versa il Italia oltre il 91% del totale del gettito delle tasse mentre il restante 60% risulta totalmente a carico partendo dalla spesa sanitaria con 54 miliardi a carico di chi paga le tasse.

Si specifica anche che quando si parla delle cosiddette ‘pensioni d’oro’ non si dice che “oltre la metà dei pensionati prenderà pure pensioni basse ma non ha mai versato un euro, quindi sono a carico dei ‘paganti’ per tutta la loro vita”. Analizzando i dati sulle dichiarazioni dei Redditi gli esperti sottolineano che rispetto al 2014 resta “drammaticamente invariato, salvo piccoli scostamenti, la percentuale di contribuenti che sopportano quasi per intero il carico fiscale: infatti è il solo 42% circa che paga il 91% di tutta l’IRPEF; il restante 58% ne paga solo l’8,98%. È il dato cruciale su cui riflettere quando si parla di evasione fiscale”.

LEGGI ANCHE >>> “No Mes, sì patrimoniale ai super ricchi”, la proposta che arriva dal blog: il ‘piano Grillo’

Si parla di patrimoniale ma chi finanza davvero il welfare in Italia? Lo studio di Itinerari Previdenziali

patrimoniale
Fonte Pixaby

Esaminando i gettiti fiscali delle diverse fasce di reddito, gli estensori della ricerca presentano quelli che “sono i veri grandi finanziatori del nostro stato sociale”.

Con le dichiarazioni di scaglioni di reddito più elevato sopra i 300.000 euro c’è solo lo 0,10% dei contribuenti versanti pari a 40.880 di soggetti che pagano però il 6,05% dell’IRPEF complessiva.

Nella fascia che va tra 200 e 300mila euro di reddito c’è lo 0,14 % dei contribuenti che pagano il 3,06% dell’IRPEF.

Con redditi lordi sopra i 100mila euro si trovano solo l’1,22%, pari a 502.779 contribuenti che pagano il 19,80% dell’IRPEF.

Sommando, infine, a questi contribuenti anche i dichiaranti con redditi lordi da 55.000 a 100mila euro, si ha che il 4,63% paga il 37,57% e, inserendo anche i redditi dai 35.000 ai 55mila euro si ottiene che il 13,07% paga il 58,95% di tutta l’IRPEF.

LEGGI ANCHE >>> I lavoratori più tartassati d’Europa? Gli italiani e lavorano anche di più