Mezza Italia è in attesa di leggere le risposte alle Faq (domande frequenti) promesse da Palazzo Chigi per dirimere e sciogliere i dubbi lasciati senza risposta dopo la pubblicazione del Dpcm.

Natale Faq
Fonte: Pixabay

Come accade ad ogni Dpcm atteso da milioni di italiani, anche per quello firmato ieri sono molti i dubbi interpretativi e gli interrogativi che il provvedimento lascia a molti italiani.

Palazzo Chigi ha così promesso prima di Natale la pubblicazione delle Faq, acronimo per Frequently Asked Questions, ovvero della risposta a dubbi o interrogativi frequenti.

Innanzitutto, il punto interrogativo che sarà rimasto nella testa degli italiani alla lettura del Dpcm è:”Ma alla fine quante persone possono sedersi a tavola?”.

Sì perchè il Dpcm ha emesso una raccomandazione spiegando che “con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato di non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza”, ma ha lasciato senza definizione la quantificazione di queste persone.

E il quanto non è una cosa di poco conto, soprattutto in questo periodo festivo.

LEGGI ANCHE >>> Il nuovo Dpcm: a Natale non aprite le vostre case agli amici

Dpcm Natale, attese le Faq per situazioni particolari sugli spostamenti

Natale
Photo by Volodymyr Hryshchenko on Unsplash

Di sicuro alcune Faq sono attese circa lo spinoso argomento degli spostamenti tra Regioni e Comuni. Qualche caso particolare potrebbe essere delineato e reso più chiaro come quello degli anziani solo o del ricongiungimento di compagni con cui si convive abitualmente.

Resta, comunque, in vigore quanto scritto nel decreto ovvero che “dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 è vietato, nell’ambito del territorio nazionale, ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, e nelle giornate del 25 e del 26 dicembre 2020 e del 1° gennaio 2021 è vietato altresì ogni spostamento tra comuni, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione degli spostamenti verso le seconde case”. Il resto è tutta una questione di Faq.

LEGGI ANCHE >>> Dpcm Natale, 7 gennaio il D-Day della “normalità”? Ecco cosa si potrà fare