Il malcontento dei gestori degli impianti di carburante dilaga e proprio per questo è stato indetto, dagli stessi, uno sciopero di 3 giorni a dicembre.

carburante sciopero
Fonte pixabay

I prezzi del carburante sono in una situazione di stallo apparente suscitando solo malcontento tra i gestori tanto da aver proclamato uno sciopero di tre giorni: da lunedì 14 fino a giovedì 17 dicembre.

In questi giorni, infatti, gli impianti di distribuzione carburanti resteranno chiusi sia sulla rete autostradale che sulla viabilità ordinaria.

I gestori puntano il dito contro il Governo che, nei vari Decreto Ristori, non ha tenuto conto del calo di fatturato, dato dalle restrizioni della mobilità nazionale, delle delle imprese di erogazione carburante.

Ad oggi, ai gestori degli impianti di carburante, non è stato riconosciuto nessuna indennità rispetto ad altre categorie.

LEGGI ANCHE >>> Natale senza reddito di cittadinanza? Allarme dell’Alleanza contro la Povertà

Benzinai: prezzi del carburante in stallo ma nessuna riduzione dei costi fissi

benzina carburante
Fonte pixabay

Il punto fondamentale di questa polemica sta nel fatto che i prezzi del carburante restano invariati e anche i costi fissi.

I gestori dei distributori di carburante, con lo scoppio della pandemia e a fronte di una mobilità ridotta dovuta al lockdown e a tutte le successive misure di restrizione, hanno dovuto sostenere notevoli costi fissi.

Inoltre i gestori, vista la mancata liquidità, corrono il rischio di non poter acquistare carburante e quindi di non garantire il servizio pubblico essenziale.

Intanto il prezzo dei carburanti si mantiene stabile.

Il prezzo medio della benzina, in modalità self, è 1,415 euro al litro.A seconda del marchio varia tra 1,414 e 1,431 euro/litro.

Le società senza logo erogano benzina a 1,393 euro. Il prezzo medio praticato del diesel, in modalità self, è fermo a 1,284 euro/litro. In base alla compagnia varia tra 1,280 e 1,303 euro/litro. Leggermente più basso il no logo con 1,262 euro.

Di conseguenza, i prezzi del carburante servito sono logicamente più alti. La benzina viene servito dall’omino in media a 1,564 euro/litro mentre la media del diesel è 1,437 euro/litro. Infine il Gpl ha un prezzo tra 0,581 a 0,609 euro.

LEGGI ANCHE >>> Italiani, popolo di santi, poeti e navigatori…del web: l’ascesa dell’eCommerce