Continua senza sosta l’attività di controllo della Consob in tema di abusivismo finanziario, sono decine i siti web per i quali è stato ordinato l’oscuramento.

Consob
Photo by Scott Graham on Unsplash

Continua senza sosta l’attività di controllo della Consob in tema di abusivismo finanziario, sono decine i siti web per i quali è stato ordinato l’oscuramento.

Solo qualche giorno fa la Consob ha infatti ordinato l’oscuramento di altri 5 nuovi siti web che offrono abusivamente servizi finanziari. L’Autorità si è avvalsa dei poteri derivanti dal “decreto crescita” (legge n. 58 del 28 giugno 2019, articolo 36, comma 2-terdecies), in base ai quali Consob può ordinare ai fornitori di servizi di connettività Internet di inibire l’accesso dall’Italia ai siti web tramite cui vengono offerti servizi finanziari senza la dovuta autorizzazione.

Questi i siti per i quali la Consob ha disposto l’oscuramento:

– B.O. Tradefinancials Ltd (sito internet www.accessfxtrade.com)

– Capital Letter GMBH e Capital Letter Ltd (sito internet www.brightfinance.co);

– NewTraders Holdings Ltd (siti internet www.toltechfx.com, www.cmcxxmarket.com e www.newtradersholdings.com).

LEGGI ANCHE >>> Esce dalla porta ma rientra dalla finestra, la patrimoniale riammessa alla discussione

Abusivismo finanziario, l’azione della Consob: 340 siti oscurati da luglio 2019

Consob
Fonte: Pixabay

La Consob comunica che sale così a 340 il numero dei siti complessivamente oscurati a partire da luglio 2019, da quando l’Autorità è stata dotata del potere di ordinare l’oscuramento dei siti web degli intermediari finanziari abusivi.

L’Autorità ha spiegato che si svolgono con tempistiche prefissate le attività di oscuramento dei siti da parte dei fornitori di connettività a internet che operano sul territorio italiano. E quindi, per motivi tecnici, l’oscuramento effettivo potrà richiedere alcuni giorni.

La Consob, alla luce di questi nuovi provvedimenti, consiglia anche la massima attenzione ai risparmiatori “sull’importanza di usare la massima diligenza al fine di effettuare in piena consapevolezza le scelte di investimento, adottando comportamenti di comune buon senso, imprescindibili per salvaguardare il proprio risparmio: tra questi, la verifica preventiva, per i siti che offrono servizi finanziari, che l’operatore tramite cui si investe sia autorizzato e, per le offerte di prodotti finanziari, che sia stato pubblicato il prospetto informativo”.

LEGGI ANCHE >>> Abusivismo finanziario, Consob oscura 7 siti: i consigli ai risparmiatori contro le truffe