Le Borse hanno subito sentito in maniera positiva il cambiamento: la Cina è tornata ad aiutare i mercati, ecco come

Aiuti ai mercati da parte della Cina: Borse di nuovo in rialzo
Fonte foto: (Web)

Mercati, torna l’ottimismo. Dopo esser stato il primo Paese ad entrare in crisi, è la Cina ad aiutare i mercati con il suo PMI manifatturiero che conferma un inizio di ripresa. Wall Street invece, ha vissuto un vero e proprio novembre da record. Ad aiutare la ripresa delle Borse, anche l’imminente distrubizione dei vaccini tra la popolazione.

I mercati internazionali vedono punti incoraggianti, il Dax di Francoforte, ha guadagnato uno 0,84%, mentre il Cac40 francese ha registrato un +0,9%. Miglior prestazione, ad oggi, quella del Ftse 100 inglese col suo +1,75%. Negli Stati Uniti, registrati segni + su tutti i maggiori indici: +0,95% sull’S&P 500, +1,06% sul Dow ed anche uno +0,8% sul Nasdaq.

Leggi anche >>> Investimenti: dove investire nel post pandemia? Parlano i key player della finanza

Calendario, ecco gli eventi da ricordare

Piazza Affari (Fonte foto: web)

Cosa racconta Piazza Affari? A Milano, grandi festeggiamenti per lo 0,23% in attivo. Salgono anche altri titoli italiani. Fca a 16 euro, Telecom Italia 0,54 euro, Unipol, 4,60 euro. Rating ancora più alti per Cnh Industrial (8,70 euro), Diasorin (200,10 euro) e Poste Italiane (9,70 euro). Infine, bene anche: Prysmian (30,10 euro), Snam (5,40 euro) e Unicredit (9,10 euro).

Ecco invece, gli eventi da ricordare per il futuro, cerchiati in rosso sui calendari degli azionisti. Per gli appassionati, il consiglio è di consultare il calendario di Macroeconomia dei maggiori mercati internazionali. Su di esso, orari di diffusione, grado di importanza, indicazione attuale e precedente, previsione degli analisti.

E si evince che proprio la Cina, sta aiutando non poco i mercati Macroeconomici, ed infatti oggi è dato maggior rilievo al PMI manifatturiero Caixin cinese, che nel mese appena terminato di novembre, ha registrato un +54,9 rispetto al precedente, già ottimo, 53,6. Leggermente in discesa invece il PMI manifatturiero dell’Europa, che era salito fino ai 54,8 punti e che nello scorso mese è sceso a 53,6.

Leggi anche >>> “Un accanimento economico e sociale”, la patrimoniale sulle case: il no dei proprietari