Il Decreto Legge n. 125 del 7 ottobre 2020 ha introdotto, tra le varie misure, il salvataggio imprese insolventi, ovvero di quelle imprese che hanno debiti con il Fisco. Di cosa si tratta?

impresi debiti
Fonte pixabay

Con il Decreto Legge n. 125 del 7 ottobre 2020 le imprese che hanno debiti con il Fisco si possono salvare attraverso il “salvataggio imprese insolventi”.

L’emendamento al dl 125/2020, approvato dalla commissione affari costituzionali del senato, che va a modificare gli articoli 180, 182-bis, 182-ter del rd 267/1942, legge fallimentare, va ad abrogare il dm 4 agosto 2009 concernente le modalità di applicazione dei criteri di accettazione della transazione fiscale da parte degli enti previdenziali nell’ambito delle procedure relative agli accordi di ristrutturazione e ai concordati preventivi.

In base a questo provvedimento, è possibile ottenere l’omologazione, da parte del Tribunale, di accordi di ristrutturazione e concordati preventivi, anche nel caso in cui gli enti previdenziali e assistenziali e il Fisco hanno un ruolo determinante nella maggiorazione dei creditori.

Ovviamente, per l’applicazione di questa misura le imprese dovranno avere determinati requisiti.

LEGGI ANCHE >>> Successioni: chi avrà accesso ai soldi del conto corrente del defunto?

Imprese: i requisiti per cancellare i debiti con il Fisco

Per poter accedere a questo strumento, è prevista una condizione indispensabile:

l’azienda, deve dimostrare che il patrimonio è liquidabile nell’ambito del fallimento a condizioni meno vantaggiose rispetto alla proposta formulata. Solo in questo caso il tribunale potrà omologare l’accordo di ristrutturazione dei debiti o il concordato.

Sono interessate nella misura tutte le imprese soggette al fallimento con debiti previdenziali ed erariali.

Lo stralcio dei debiti è possibile nell’ambito del concordato e degli accordi di ristrutturazione dei debiti.

La condizione è che la proposta deve essere più conveniente della liquidazione fallimentare.

La novità riguarda gli effetti; infatti, non è più determinante il voto o l’adesione di enti previdenziali e assistenziali (INPS e INAIL) e dell’Agenzia delle Entrate, per l’omologazione delle procedure di Cp e Ard.

LEGGI ANCHE >>> Banconote che valgono migliaia di euro: le potresti avere in casa senza saperlo