Intervenendo a “Radio 24”, il presidente dell’Inps ha annunciato l’istituzione di una cabina di regia per attivare l’erogazione delle ultime richieste di cassa integrazione rimaste insolute.

cassa integrazione inps

E’ stato uno dei nodi più spinosi per il Governo durante i primi mesi della pandemia. I tempi di pagamento della Cassa Integrazione nel periodo di emergenza Covid sono stati oggetto di forti critiche sia nella maggioranza che nell’opposizione. Ed il presidente Inps, Pasquale Tridico, ha annunciato a “Radio 24” l’attivazione di una task force per coloro che non hanno ancora ricevuto nulla a causa di diverse situazioni contingenti.

Dall’inizio dell’emergenza ad oggi sono circa 6,6 milioni i lavoratori italiani che hanno ricevuto la cassa integrazione e di questi 3,6 milioni sono stati pagati direttamente dall’Inps mentre i restanti sono erogazioni anticipate dai datori di lavoro. Ma c’è ancora uno 0,2% che non ha ricevuto nulla per diversi motivi. Ebbene a questi lavoratori, pari a circa 3.000 unità, sta lavorando una speciale task force istituita dall’Ente.

LEGGI ANCHE >>> Covid si abbatte sulle tredicesime: sarà un Natale più magro per molti

Cassa integrazione Covid, la task force dell’Inps per chi non ha ricevuto nulla

cassa integrazione
Fonte: Pixabay

Questa task force, ha spiegato Tridico, opera analizzando le singole posizioni delle persone che non hanno ancora ricevuto nulla e verificare l’eventuale presenza di errori formali nella richiesta inoltrata. Secondo gli ultimi dati forniti, fermi al 18 novembre, su 14.292.139 domande di pagamento (SR41) sono 14.198.594 le prestazioni erogate direttamente dall’Istituto a 3.500.295 lavoratori, pari al 99,3% delle richieste. Tra il 3 e il 18 novembre sono state erogate direttamente 594.061 integrazioni salariali.

Includendo anche le richieste di ulteriori mensilità per lavoratori che hanno già ricevuto precedenti erogazioni di CIG, le domande di pagamento diretto che risultano in lavorazione al 18 novembre erano complessivamente 93.545, di cui 24.675 riferite al periodo maggio-settembre (26%), mentre 68.870 sono quelle più recenti e relative a ottobre-novembre (74%). Tali insiemi non corrispondono al numero dei lavoratori, essendoci più domande/trattamenti CIG per ognuno di essi.

La tredicesima mensilità quest’anno arriverà nei portafogli di 16 milioni di pensionati e di 18 milioni di lavoratori dipendenti. L’importo complessivo di queste 34 milioni di gratifiche natalizie ammonterà a 30 miliardi di euro, 3 miliardi in meno rispetto alla somma pagata l’anno scorso. A calcolarlo è l’Ufficio studi della CGIA.

LEGGI ANCHE >>> Cassa Integrazione: arriverà la tredicesima? Molti sono perplessi, le risposte