La nuova truffa che prosciuga il credito. Come spesso accade, di mezzo c’è l’app di chat, WhatsApp, attenti a cosa clicchiamo

whatsappAncora una volta una truffa che mette in pericolo il nostro credito residuo. Bisogna fare molta attenzione a ciò che ci viene spedito in chat. Soprattutto nell’ultimo anno, WhatsApp è una di quelle applicazioni in cui è praticamente impossibile rinunciare, visto che il distanziamento, ci tiene lontani dalle persone, con cui sentiamo la necessità di parlare ogni giorno. Quale miglior mezzo di un’app di messaggistica?

Il problema è che bisogna sempre tenere gli occhi aperti, nelle ore che trascorriamo sui siti e le app di messaggistica. Occhi aperti a quello che ci viene mandato, sia da numeri che conosciamo, che, soprattutto in chat sconosciute. La truffa è dietro l’angolo.

Leggi anche >>> Cornavirus, lockdown e alcolismo: è allarme. I dati dell’ IEuD

Tim, Vodafone e WindTre, attenzione: ma non solo per loro

Le ultime settimane sono state segnate da nuovi inconvenienti, proprio a mezzo chat messaggistica. C’è un particolare tipo di messaggi che sta mettendo gli utenti, in difficoltà. Più o meno, il testo dei messaggi che stanno girando è: “Attenzione a WhatsApp! Il tuo numero non è registrato. Clicca qui per registrarlo”, con tanto di link su cui cliccare, per farlo.

Niente di meno vero, l’obiettivo dei truffatori è che voi clicchiate sul link. Lì, scatta il famoso phishing di cui conosciamo sia nome che conseguenze. I meno esperti, seppur ormai di truffe del genere ne siano girate in centinaia, sono portati a cliccare, anche solo per curiosità. La conseguenza è che i criminali del web, riescono anche solo attraverso un click, ad attivare molte volte, dei servizi a pagamento.

Quindi, se non sarà direttamente WhatsApp a portarci via i soldi, qualcosa su cui abbiamo cliccato e che proveniva da una chat aperta, proprio su WhatsApp, ci ha fatto il danno. Piani telefonici come Tim, Vodafone, WindTre, vedono sparire i soldi, proprio dal credito residuo, come testimoniano i truffati. In pratica, dopo aver ricevuto messaggi del genere, i clienti si sono trovati con il credito letteralmente azzerato.

Leggi anche >>> Pedaggi autostrade vicine all’aumento: ecco il perché