Buone notizie per l’accordo sul contratto dei metalmeccanici, sembra esserci la svolta per rinnovo ed aumento

Contratto metalmeccanici, questa la proposta per rinnovo ed aumenti
Fonte foto: (Pixabay)

Accordo vicino per il contratto dei metalmeccanici. Federmeccanica e Assistal hanno presentato di recente la loro proposta di rinnovo ai sindacati. Sindacati che avevano organizzato ad inizio novembre uno sciopero, portandosi all’attenzione di Federmeccanica che per adesso ha proposto un rinnovo per il triennio 2021/2023. E non solo, c’è anche l’idea aumento di stipendio superiore a quella già presentata pochi giorni fa di 40€.

La nuova proposta prevede anzitutto uno stipendio che aumenterebbe di 25 euro rispetto ai 40 già immaginati. L’aumento quindi, sarebbe pori a 65€ totali a regime per il triennio 2021/2023, con l’aggiunta di diverse voci e clausole con il total edell’aumento che potrebbe arrivare fino a 85 euro, entro il 2023.

I Flixeble benefit invece, aumentano da 200 a 250 euro, grazie a questo aumento, ce ne sarà uno ulteriore di 750 rispetto a quello precedente. Ci sono novità anche per la previdenza complemetare, il contributo aziendale sale dello 0,2% con un contributo da versare però dello 0,5%.

Leggi anche >>> Covid e Lavoro, contributi zero per chi assume entro 2020: come accedere al bonus

Altri miglioramento del contratto e cosa sarà del futuro

Ulteriori novità, sono state presentate per la previdenza complementare per i nuovi iscritti di età inferiore ai 35 anni. Per loro il contributo a carico delle imprese avrà un balzo dal 2,0% al 2,5%. Confermato infine, il diritto alle 24 ore di formazione in tre anni per tutti i dipendenti. Poi, ci sarebbe la creazione di un fondo per i Servizi delle imprese, finanziato tramite contributo forfettario delle aziende che nel 2021 per ogni dipendente verseranno 1,50 euro. Inoltre, rinnovata l’estensione dell’assistenza sanitaria del Fondo Mètasalute per i pensionati che sono stati iscritti in maniera continuativa per almeno 2 anni prima di andare in pensione.

Si attende ora una risposta dai sindacati, FIM, FIOM e UILM, da parte di Federmeccanica e Assistal: dovrebbe arrivare entro settimana prossima. La prima data in cui è prevista una riunione per discutere il rinnovo, è il 1 dicembre, poi incontri nei due giorni a seguire, il 2 ed il 3 dicembre ed infine il conclusivo al 9 dicembre. La speranza è quella di arrivare ad un accordo in breve tempo e con una proposta contrattuale che tenga conto anche della crisi e che si ponga come strumento di garanzia attraverso il quale, imprese e lavoratori si sentano liberi di incontrare i cambiamenti in atto del settore metalmeccanico.

Leggi anche >>> Cassa Integrazione: arriverà la tredicesima? Molti sono perplessi, le risposte