Jenny Lenzini, annunciatrice e reporter è mancata alla sola età di 26 anni in un incidente insieme al suo fidanzato. Chi è e le dinamiche dell’accaduto.

Jenny-lenziniJenny Lenzini, era una giovane annunciatrice e reporter con già una discreta esperienza. Ha esordito come annunciatrice del telegiornale locale di Sioux City, Florida. Fino ad approdare, successivamente, alla ABC.

Jenny Lenzini si occupava di cronaca locale, in particolare di ciò che avveniva in Florida.

E’ stato proprio il cicepresidente della KTIV, emittente che trasmetteva il telegiornale di Sioux City,  il primo ad esprimere il proprio cordoglio per la scomparsa Jenny Lenzini: “Jenny è era una luce splendente, piena di cuore e di dedizione, una stella nascente dell’industria del broadcasting con un sorriso contagioso. Era autentica, umile e sempre gentile”.

Non è mancanto il messaggio di cordoglio del direttore della NBC2,emittente dove Jenny lavorava come annunciatrice e reporter, Tim Klutsarits: “A distanza di 24 ore continuo a non avere parole. Doloroso e tragico sono le parole che continuano ad affollare la mia testa. Per Jenny e per la famiglia Lenzini, tutto ciò che ho da offrire è tristezza”.

LEGGI ANCHE >>> Legge di Bilancio 2021: tutte le novità introdotte per scuola ed Università

Jenny Lenzini: muore in un incidente stradale. Le dinamiche

Jenny Lenzini
Fonte Pixabay

L’incidente è accaduto sabato, Jenny Lenzini si trovava a bordo della moto del fidanzato quando l’uomo ha perso il controllo e si è andato a schiantare contro un albero a margine della strada.

L’urto è stato violentissimo ed entrambi sono stati sbalzati in strada. Quando i soccorritori sono giunti sul luogo del sinistro per il fidanzato  non c’era più nulla da fare, mentre per la giovane giornalista c’era ancora qualche speranza. I soccorritori l’hanno trasportata in codice rosso all’ospedale di Sarasota (Florida) e trasferita d’urgenza nel reparto di terapia intensiva, dove è, purtroppo, deceduta la scorsa notte.

LEGGI ANCHE >>> Vaccino anti Covid, svelato il piano del Governo: a chi andranno le prime dosi