Cambiare gestore dell’utenza domestica in meno di 24 ore: ora si può!

Presto sarà possibile cambiare gestore dell’utenza elettrica o del gas in meno di 24 ore. Il Governo al lavoro per definire le modalità.

L’Unione Europea chiede riduzione delle tempistiche, l’Italia risponde con un piano creato appositamente per raggiungere l’intento.

cambio gestore
Contocorrrenteonline.it

L’Autorità per l’Energia sta mettendo a punto un piano per consentire ai contribuenti di cambiare gestore in un giorno al massimo. Una riduzione delle tempistiche richieste dall’Unione Europea non accompagnata, però, da un’altrettanta velocità nell’attuare il Decreto. La stima è di una pubblicazione ufficiale solo a fine 2025 con la reale possibilità di procedere con il veloce cambio dell’operatore a partire dal 1° gennaio 2026. Non mesi, dunque, ma anni di attesa prima di poter godere di maggiore libertà dagli obblighi procedurali. Al momento, dunque, per passare da un gestore all’altro occorre procedere con gli iter abituali. Ricordiamo quali sono.

Cambiare gestore in Italia, cosa sapere

Al momento per modificare il gestore di una utenza domestica occorre dare un preavviso inviando la richiesta entro il giorno dieci del mese antecedente e aspettando per la decorrenza del nuovo contratto il primo giorno del mese. Ci sono, però, delle eccezioni di cui tenere conto.

Parliamo di due situazioni specifiche che danno l’opportunità di fare il cambio operatore in qualsiasi giorno del mese. La voltura contrattuale con switching e la stipula di un nuovo contratto di fornitura con il cliente dopo l’attivazione dei servizi di ultima istanza e la risoluzione di contratti di dispacciamento e trasporto per inadempimento dell’utente.

Adeguandosi alla normativa UE, l’Italia consentirà velocizzazioni delle procedure e la possibilità di effettuare il cambio gestore in qualsiasi giorno lavorativo entro 24 ore.

Uno sguardo al futuro

Nel 2026, dunque, il passaggio di operatore sarà fattibile in poche ore grazie ai contatori intelligenti. Parliamo di apparecchi che permettono di rilevare e mettere a disposizione i dati del consumo elettrico in tempo reale. Sono dispositivi che utilizzano la tecnologia Internet of Things per misurare a distanza i consumi di energia elettrica, gas, acqua e calore. I contatori intelligenti già ora semplificano e ottimizzano le procedure di conguaglio nonché il cambio di fornitura ma con le nuove direttive consentiranno di restringere ulteriormente le tempistiche.

Gli apparecchi si presentano come piccoli computer, infatti, capaci di svolgere funzioni innovative e pratiche in grado anche di personalizzare il contratto di fornitura elettrica sulla base delle proprie abitudini ed esigenze. Basta a bollette gonfiate o sottostimati e ai maxi conguagli. I contatori intelligenti sono il futuro auspicabile.