Colesterolo, occhio a questi integratori alimentari: possono essere dannosi per la salute

Se soffrite di colesterolo prestate attenzione a questi integratori alimentari in quanto possono provocare in alcuni casi delle conseguenze indesiderate.

Di recente è giunta una rettifica da parte dell’Unione Europea in merito all’utilizzo di un integratore alimentare volto a combattere il colesterolo. Ma di quale si tratta e per quale motivo? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

colesterolo
Foto © AdobeStock

Il colesterolo alto si rivela essere un problema che colpisce un gran numero di persone. Al fine d abbassare i relativi livelli, bisogna sapere, si rivela utile svolgere attività fisica e seguire una dieta regolare. Ma non solo, in molti decidono anche di utilizzare degli integratori alimentari, volti proprio ad abbassare i livelli di colesterolo.

Proprio in tale ambito si invita a prestare attenzione, in quanto di recente è giunta una rettifica da parte dell’Unione Europea in merito all’utilizzo di un integratore alimentare volto a combattere il colesterolo. Ma di quale si tratta e per quale motivo? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Colesterolo, occhio a questi integratori alimentari: tutto quello che c’è da sapere

Abbiamo già avuto modo di vedere come sia importante prestare attenzione a colesterolo e trigliceridi alterati, in quanto in determinati casi si ha diritto all’esenzione del ticket sanitario. Sempre soffermandosi sul colesterolo, inoltre, è importante sapere che di recente è giunta una rettifica da parte dell’Unione Europea in merito all’utilizzo di un integratore alimentare volto a combattere il colesterolo.

Ma di quale si tratta e per quale motivo? Ebbene, si tratta degli integratori a base di riso rosso fermentato. Quest’ultimi, ricordiamo, presentano una molecola, le monacoline, che contribuiscono a ridurre il livello di colesterolo nel sangue. Allo stesso tempo, secondo l’Efsa, ovvero European Food Safety Authority, un uso elevato di questo integratore può rivelarsi pericolo in quanto può provocare danni al tessuto muscolare, tossicità epatica e problemi gastrointestinali.

Ma non solo, è possibile dover fare i conti con disturbi del sistema nervoso, disturbi cutanei e sottocutanei e interazioni farmacologiche. Per questo motivo con il nuovo regolamento è stato deciso di dare una stretta a tale situazione, con le confezioni di questi integratori che devono indicare in modo chiaro ed esplicito il dosaggio massimo consentito, pari a 3mg per dose giornaliera.

Ma non solo, devono essere riportati anche i possibili rischi derivanti da un uso eccessivo dell’integratore in questione. Allo stesso tempo, comunque, è bene sottolineare, non bisogna creare allarmismi. Come già detto, infatti, i possibili danni possono manifestarsi in caso di uso eccessivo. Per questo motivo il consiglio è quello di non esagerare e di seguire sempre i consigli del medico, oltre che rispettare il dosaggio indicato sulla confezione.

Impostazioni privacy