Il bando che tutti aspettavano: 1.600 euro a tempo indeterminato

Un bando indetto per il ruolo di Collaboratore amministrativo, con stipendio decisamente fuori budget. E senza particolari requisiti richiesti.

 

Nonostante le elezioni imminenti, la sensazione è che mai gli italiani e la classe politica siano stati così distanti. Le motivazioni di questo stato di cose non mancano decisamente.

Concorso collaboratori amministrativi
Foto © AdobeStock

Uno dei problemi base riguarda il lavoro, o meglio, l’intero comparto occupazionale. Specie per quel che riguarda i più giovani, le prospettive sono sempre meno invitanti. Anche perché l’ingresso nei settori dell’occupazione pubblica risulta decisamente complicato e, anche per colpa della pandemia, le possibilità in quello privato complicano decisamente i piani su una stabilità economica. Per questo, nel momento in cui viene messa in campo una possibilità per l’accesso a una posizione comunale il bacino di interessati inizia a farsi piuttosto nutrito. Specialmente se, come in questo caso, le porte si aprono per le terze medie, ossia per coloro che non sono riusciti a conseguire un diploma di scuola superiore.

Un annuncio particolarmente interessante quello del Comune di Vignate, nella Città metropolitana di Milano. Un bando comunale per il ruolo di Collaboratori amministrativi, con requisito minimo della licenza media conseguita. E con una prospettiva di guadagno decisamente fuori budget per la media degli stipendi attuali (e italiani in generale), ovvero 1.600 euro al mese. Il tutto con dei requisiti basilari, da affiancare chiaramente al titolo di terza media. Naturale che, per il ruolo in questione, possano candidarsi anche coloro con titoli di studi superiori. Per il resto, niente di trascendentale.

Bando per Collaboratori amministrativi: dove e come candidarsi

Attenzione alle tempistiche. La domanda, infatti, dovrà essere inoltrata obbligatoriamente entro e non oltre il prossimo 26 settembre 2022. Per chi fosse interessato, in sostanza, i tempi sono decisamente stretti. Oltre alla suddetta licenza media, sarà necessario il possesso della cittadinanza italiana (o di un Paese membro dell’Unione europea). Chiaramente potranno accedere al concorso esclusivamente candidati maggiorenni e che non abbiano riportato condanne penali, né che abbiano procedimenti attualmente in corso che impediscano l’impiego presso la Pubblica amministrazione. Requisito basilare anche il godimento dei diritti civili e politici. I candidati dovranno inoltre possedere l’idoneità fisica allo svolgimento delle mansioni.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

A tal proposito, i potenziali candidati per il concorso comunale non dovranno avere dispense dall’impiego presso la Pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento. Né, chiaramente, aver riportato licenziamenti pregressi a seguito di procedimenti disciplinare. Lo stesso vale per i casi di destituzione. Obbligatorio il possesso della patente di categoria B, oppure superiore. Occhio anche al requisito scolastico: sarà sì sufficiente il possesso della licenza della scuola dell’obbligo, ma sarà altresì richiesto un corso di formazione specialistico. O, in alternativa, di un diploma di qualifica professionale, sia biennale che triennale. In sostanza, aver concluso le scuole medie sarà la chiave d’accesso minima. Sul sito del Comune di Vignate saranno presenti tutte le informazioni, oltre che il relativo bando.