Il tesoro è emerso da nulla, i termini son scaduti: vale 5 anni di lavoro

 A volte la vita è capace di riservare sorprese davvero incredibili. Ci si trova di fronte a situazioni davvero incredibili.

La fortuna ricercata di continuo può di colpo entrare a far parte delle nostre vite, del nostro quotidiano senza quasi accorgersene e per di più senza nemmeno che si abbiamo le possibilità concrete di rendere il tutto quanto più efficace, determinante possibile. Alcune storie sono letteralmente senza precedenti e non si sa bene cosa possano portare davvero.

Monete-tesoro
Adobe

Nella maggior parte dei casi a fronte di situazioni di un certo tipo, non si sa davvero come comportarsi, il campo delle cose possibili è certamente vario, ma in alcuni casi non si sa davvero da dove cominciare per poter gestire quanto accaduto. Numerose le vicende che ci hanno raccontato di tesori ritrovati all’improvviso, cosi per puro caso. Quello che è poi successo dopo ha dei risvolti sempre molto particolari, ma quasi mai del tutto negativi.

La vicenda che ultimamente ha riguardato un operaio spagnolo, protagonista di un incredibile ritrovamento, ha destato molta curiosità. Il tutto nasce dalla stessa condizione del tesoro ritrovato. Una situazione forse davvero unica in cui il quantitativo di oggetti preziosi ritrovati in effetti potrebbe non portare, almeno inizialmente ad un vantaggio considerevole. Ci troviamo dunque di fonte ad una vicenda in teoria senza alcuna via d’uscita, forse addirittura unica nel suo genere.

La scoperta fatta dall’operaio spagnolo ha davvero dell’incredibile. Non è certo la prima volta che da un terreno qualsiasi, in seguito a specifiche o casuali operazioni vengano fuori monete o banconote di estremo valore, o addirittura oggetti preziosi. In molti casi però tutto è facilmente convertibile in denaro contante, in questo invece la cosa appare molto più complicata. Il motivo è molto semplice e sta alla base di tutto, non proprio ogni oggetto o banconota o moneta può essere facilmente riconvertita.

Il tesoro è emerso da nulla, i termini son scaduti: ecco come hanno risolto il problema

Antonio Piñeiro, un operaio spagnolo residente a Valencia si trovata in trasferta, per motivi di lavoro, precisamente a Lugo, in Galizia. La scoperta che ha interessato l’uomo ad un certo punto ha davvero dell’incredibile. Una casa da ristrutturare, lo scenario ideale per una scoperta davvero sensazionale. Una serie di barattoli di cioccolato in polvere ed al loro interno un quantitativo di pesetas davvero impressionante. 9 milioni, circa 54mila euro.

Il problema però si pone nel momento in cui si realizza che il termine ultimo fissato dalla Banca di Spagna per il cambio delle pesetas è ormai scaduto, parliamo di metà 2021. In pochi giorni la notizia ha chiaramente. 54mila euro avrebbero di certo rappresentato un bel bottino per il signor Antonio Pineiro, che avrebbe potuto utilizzare quei soldi per la propria sicurezza economica. Per fortuna, però, all’improvviso è emersa la volontà di un cittadino di acquistare quelle specifiche banconote.

Si tratta del designer Pepe Cruz, figlio d’arte, suo padre, Josè Maria era l’uomo incaricato di disegnare proprio quella serie di banconote tra gli anni settanta ed ottanta. L’interesse per quelle banconote è dunque abbastanza evidente: “Ovviamente hanno un certo valore affettivo – ha dichiarato Pepe Cruz – ma soprattutto mio padre aveva acquistato subito le banconote che aveva disegnato, non appena erano state emesse. Solo che poi all’inizio degli anni ’90 alcune banconote ci furono rubate e altre, in seguito, si rovinarono con l’umidità”.

Lo stesso Pepe Cruz ha inoltre dichiarato: “Nel nostro studio abbiamo un archivio delle opere di mio padre e mi interessava arricchire la collezione. Trovare le pesetas, ormai, è praticamente impossibile, anche perché la gente ha avuto vent’anni di tempo per cambiarle in euro”. Il signor Antonio e Cruz hanno trovato un accordo molto interessante. L’operaio terrà per se una banconota per ogni taglio mentre le altre verranno acquistate dal designer ad un prezzo chiaramente variabile a seconda della stima dell’esemplare.

Nel caso in cui non tutte le banconote non dovessero essere acquistata da Cruz, il signor Antonio ha già pronti numerosi contatti di collezionisti disposti a rilevare il tutto. Una gran fortuna insomma, che alla fine ha portato all’ideale condizione di possibile vendita per l’uomo che ha fatto riemergere questo incredibile tesoro.