Le Ferrovie chiamano, è l’occasione giusta: tutte le posizioni aperte

Ferrovie dello Stato apre le proprie porte. Ben 15 mila nuovi posti, fra assunzioni dirette e quelle derivate dall’indotto. Ecco come candidarsi.

 

Fino a qualche decennio fa, un posto alle Ferrovie sarebbe stato fra i più ambiti. Così come tutti i posti di lavoro connessi al sistema dei trasporti e non solo in termini di guida.

Ferrovie assunzioni
Foto © AdobeStock

E, anche oggi, non è che la situazione sia molto diversa. La possibilità di entrare in un contesto simile significherebbe la garanzia di stabilità e di un lavoro regolato da precise turnazioni. Niente male visto il momento storico e la difficoltà nell’ottenere un lavoro realmente stabile. Il Gruppo, nelle ultime settimane, ha deciso di rafforzare il proprio organico, avviando nuove selezioni per l’assunzione di nuovo personale in tutta Italia. L’occasione giusta per chi sogna di lavorare nell’ambito dei trasporti o per chi, semplicemente, è alla ricerca di un nuovo lavoro, possibilmente con una base stabile. E in effetti, sono diverse le posizioni aperte su tutto il territorio.

Chiaramente, l’occasione è potenzialmente importante. Ferrovie dello Stato Italiane SpA è una delle realtà più rilevanti del nostro Paese ed entrare nel suo organigramma significherebbe a tutti gli effetti operare in un posto statale. In uno dei più antichi gruppi, che ha avuto origine all’inizio del Novecento e che, in oltre un secolo di vita, ha via via aggiornato i suoi standard produttivi adeguandosi ai tempi moderni. Società per azioni lo è diventata negli anni Novanta, contando oggi la gestione di una rete ferroviaria da quasi 17 mila chilometri, da oltre 10 mila treni al giorno in transito. Anche in termini di passeggeri la rilevanza è notevole: 1 miliardo l’anno, accanto a 45 milioni di merci.

Ferrovie, occasione d’oro: come candidarsi in tutte le posizioni aperte

Al momento, il Gruppo Ferrovie impiega circa 82 mila persone, comprendendo tutti i vari enti che fanno parte della holding. Fra queste figurano Trenitalia, Anas, Rete Ferroviaria Italiana, Italferr e altri. Sulla base di questi presupposti, le possibilità di entrare a far parte del vasto organico sono diverse, vista la possibilità per i vari gruppi di richiedere nuovo personale. Al momento, con l’attuazione di un Piano industriale avviata già nel 2019 e con conclusione prevista per il prossimo anno, il Gruppo ha annunciato un ulteriore rafforzamento dell’organigramma, disponendo la creazione di 15 mila nuovi posti di lavoro diretti, oltre a 120 mila opportunità derivanti dall’indotto. E la cosa positiva è che verranno chiamati anche giovani senza esperienza.

I livelli di carriera saranno diversi anche se, perlopiù, saranno assunzioni a tempo indeterminato. Figureranno anche alcuni contratti di apprendistato. Il novero delle posizioni riguarderà sia diplomati che laureati, da assumere come macchinisti, capi stazione, tecnici e operatori per la manutenzione di rotabili e infrastrutture. Saranno comunque aperte delle posizioni anche sul piano tecnico operativo. Tutte le offerte di lavoro (ossia le posizioni aperte) sono disponibili sulla pagina web delle Ferrovie dello Stato, nella sezione Lavora con noi. Come detto, l’occasione è notevole. Non solo per la stabilità della posizione ma anche per le numerose opportunità aperte.