Sonno al mattino, come fare a gestirlo e partire con il piede giusto

Il sonno resta in molti casi uno dei momenti preferiti di milioni di italiani, spesso imbrigliati nel proprio quotidiano stressante e caotico.

Perdere il sonno può diventare una vera tragedia, soprattutto di certi tempi. Il lavoro che si accavalla, le tensioni che crescono, lo stress, il tempo sempre più risicato, dormire spesso diventa davvero complicato. Trovare il tempo di riposarsi e farlo bene. Dall’altra parte però la stessa cosa in un certo senso può avvenire con chi invece sente ancor più pressante la necessità di conciliarsi con il sonno. Il rischio in questi casi? Non volersi mai alzare la mattina.

dormire telefono in carica
Adobe Stock

Quante volte la sveglia suona, una, due, tre, quattro volte e dall’altra parte, cioè nel letto, nessuno risponde. Quante volte ci capita ogni settimana di vivere tali situazioni. In alcuni casi questa è la consuetudine. Niente di più frequente e chiaro. La difficoltà sempre più diffusa di rinunciare al sonno per iniziare una nuova giornata di lavoro, o di studio, o di cura della casa, dei figli e quant’altro. Oggi più che mai insomma, alzarsi la mattina è diventato davvero faticoso, più di quanto si possa immaginare.

Le difficoltà dei cittadini ad iniziare una nuova giornata sono più che mai diffuse negli ultimi anni. Spesso, per milioni e milioni di cittadini, alzarsi la mattina diventa una vera e propria impresa, qualcosa di assolutamente impossibile per certi versi. Considerata la problematica tanto vasta, alcuni esperti del settore hanno fornito alcuni consigli su come affrontare questo particolare momento della giornata avvalendosi di specifici studi condotti in merito.

Un team di esperti, scelti tra varie università ha condotto una ricerca molto particolare, successivamente pubblicata sulla US National Library of Medicine National Institutes of Health, in merito alla difficoltà di donne ed uomini ad alzarsi la mattina per affrontare la propria giornata. Staccarsi dal sonno insomma. Semplici consigli forniti dagli esperti per far diventare quel momento della giornata qualcosa di assolutamente non traumatico, come in realtà di fatto avviene.

Sonno, abbandonarlo per molti è un trauma: tutti i consigli per alzarsi la mattina nelle migliori condizioni possibili

Sei i consigli forniti dagli esperti del settore per fare in modo che il risveglio non si trasformi quotidianamente in un vero e proprio momento traumatico. Il primo consiglio è quello di accendere tutte le luci di casa nel momento in cui ci si sveglia, aprire le persiane in alternativa, fare entrare insomma quanta più luce possibile. La luce facilita il risveglio e chiaramente ostacola il sonno, ragion per cui sarebbe consigliabile non utilizzare smartphone o tablet prima di andare a dormire.

Il secondo consiglio riguarda l’indicazione di evitare cibi pesanti in prossimità del sonno. Questo farà in modo di risvegliarsi nel modo giusto. Mangiare in concomitanza del sonno potrebbe portare disturbi come bruciore di stomaco ed altro ancora. Terzo consiglio per l’utilizzo sconsigliato di alcolici prima del sonno. L’assunzione di certe sostanze potrebbe causare improvvisi risvegli dettati dallo stesso metabolismo. Il quarto consiglio invece indica la via del rilassamento, un bagno caldo, leggere un libro che si ama particolarmente, staccare insomma la spina da tutto il resto. Questo si che potrebbe favorire un sonno tranquillo.

La quinta indicazione spiega come possa essere salutare andare a dormire sempre alla stessa ora oppure fare comunque in modo di riposare sempre lo stesso numero di ore. Il tutto andrà a vantaggio del ritmo biologico del nostro organismo che a quel punto non risulterà particolarmente stressato. Ultimo consiglio, il sesto, riguarda invece le condizioni generali della stanza da letto. Poco illuminata, tiepida, per l’appunto le migliori condizioni possibili per dormire bene e non rischiare di svegliarsi ripetutamente. Svegliarsi la mattina, dopo aver seguito i consigli in questione non potrà essere altro che un vero piacere.