WhatsApp cambia lingua, non ci credete? Ecco come fare a verificare

Una delle app più utilizzate al mondo, praticamente immancabile per chi vuole restare sempre in comunicazione con i propri contatti.

Quando parliamo di WhatsApp parliamo praticamente di comunicazione, parliamo di smartphone perchè probabilmente non ce n’è uno nel nostro paese e non solo che contenga la particolare app di messaggistica istantanea, intendiamo insomma connessione, con i nostri contatti, amici, parenti, colleghi di lavoro e tanto altro ancora. Connessione con il resto del mondo insomma.

WhatsApp icona verde
Foto © AdobeStock

Milioni e milioni di persone collegate tra loro attraverso una semplice app per di più gratuita. WhatsApp è quanto di meglio si possa trovare in rete per quel che riguarda lo scambio di messaggi testuali, audio, video, contenuti di ogni tipo tra i quali documenti, posizione geografica e quant’altro. Questo è quello che pensa, almeno stando all’utilizzo che se ne fa gran parte dei cittadini che quotidianamente utilizza in ogni momento il proprio smartphone.

Oggi attraverso l’app in questione è praticamente impossibile restare isolati da tutto il resto del mondo. La rete, i suoi vantaggi, la possibilità di accedere alla comunicazione con la totalità dei propri contatti, chiamare vocalmente, videochiamare, condividere ogni genere di contenuto, questo, oggi, è praticamente irrinunciabile.  L’app inoltre consente di accedere ad una serie di servizi assolutamente imperdibili da parte dei singoli utenti.

L’app in questione chiaramente è utilizzata, ad oggi anche per lavoro con le moltissime opzioni disponibili e con la possibilità ad esempio di utilizzare nello stesso tempo strumenti che consentono di essere sempre pronti a qualsiasi tipo di situazione. Oggi, più ancora degli anni scorsi comunicare è al centro di tutto, basti pensare alla condizione di chi lavora in smartworking. WhatsApp, oggi, è capace di diventare uno strumento altamente affidabile e professionale.

WhatsApp cambia lingua, non ci credete? Ecco quello che succede cambiando tastiera

Tra i vantaggi assoluti presenti con gli ultimi aggiornamenti dell’app di messagistica istantanea c’è quello di poter aiutare l’utente a considerare diverse lingue con le quali comunicare. Un problema, una necessità, anzi che potrebbe saltare fuori in ogni momento, realisticamente parlando. Modificare tra le opzioni la tipologia di tastiera del nostro smartphone andrebbe a facilitare quella che è la stessa gestione dell’applicazione.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo
Installando la tastiera Gboard, associandola alle nostre preferenze si potrà dunque utilizzare dopo relativa attivazione Google Translate, direttamente tra le chat di WhatsApp. A questo punto, lo stesso utente sarà sempre pronto a gestire nel migliore dei modi ogni tipo di conversazione, in qualsiasi lingua, soprattutto. Per entrare nel vivo delle funzionalità dell’opzione in questione basterà andare sui tre puntini in altro che simboleggiano le impostazioni bisognerà andare su “Traduzione” e di conseguenza avviare tranquillamente una conversazione, ad esempio in inglese.
Utilizzare oggi, l’app WhatsApp per lavoro o per semplice svago, può diventare però, allo stesso tempo estremamente rischioso. Parliamo di uno dei maggiori veicoli in assoluto di tentativi di truffe. False comunicazioni farcite dal classico link che guida la vittima all’interno di siti web abilmente ricostruiti, tentativi di furto di identità e non solo. La piattaforma di messaggistica istantanea più famosa di tutte può trasformarsi insomma in ben altro.
La truffa insomma viaggia più spedita che mai, non solo su WhatsApp ma anche attraverso i classici sms o mail. Situazioni di ogni tipo inventata ad arte pur di catturare l’attenzione di chi legge e portarlo di fatto dove si vuole. Approfittare di lui, dei propri dati personali della propria disponibilità economica, il truffatore senza scrupoli mira di fatto a questo, a nient’altro.
Dati personali e soldi, tutto il resto non conta, tutto il resto è un tramite per arrivare al bottino. Soldi per arricchirsi e dati personali per aumentare il numero di truffe e continuare ad arricchirsi. Niente di più chiaro e delineato insomma. Meglio pensare alle tante positive funzionalità di WhatsApp, decisamente.