Cioccolato e cacao: fanno bene alla salute, per la gioia dei golosi

Un’importante scoperta ha dimostrato che i flavanoli di cioccolato e cacao possono avere un effetto positivo sulla pressione sanguigna e la rigidità arteriosa.

Chi soffre di pressione alta deve rivolgerti ad un cardiologo, che saprà consigliare i farmaci ideali per tenere a bada un problema che potrebbe creare grosse difficoltà. Tuttavia, è bene sapere quali sono gli alimenti che, grazie alle loro proprietà, riescono ad abbassare la pressione sanguigna e a diminuire la rigidità arteriosa.

 cioccolato e cacao
Adobe stock

In base ad un recente studio condotto da alcuni ricercatori, i flavanoli contenuti nel cioccolato e cacao hanno delle proprietà, che sono in grado di ridurre la pressione sanguigna. Si manifesta solo nel caso in cui la pressione è alta, dunque non comporta alcun rischio per coloro che soffrono di pressione bassa.

Alla luce di questa scoperta si può affermare che il cioccolato fondente oltre ad essere benefico per le proprietà energizzanti, riesce ad offrire un importante beneficio alla salute del corpo e della mente.

Cioccolato e cacao: sensazionale scoperta che aiuterà gli ipertesi

Alcuni studi hanno dimostrato che i flavanoli presenti nel cacao sono particolarmente benefici per la salute sia del corpo che della mente umana. Infatti, è capace di ridurre la pressione sanguigna e la rigidità arteriosa in maniera equivalente ad alcuni farmaci, che generalmente sono prescritti a coloro che soffrono di ipertensione.

Purtroppo non è mai stata verificata l’efficacia o la sicurezza del consumo di flavanoli al posto dei farmaci. Per questo motivo, consigliamo di non sostituire gli uni con gli altri e di consultarsi sempre con il proprio medico.

In ogni caso, lo studio condotto dall’Università di Sarrey, e pubblicato sulla rivista Frontiers in Nutrition, ha dimostrato che il consumo di cacao può essere un ottimo trattamento contro l’ipertensione, ovvero la pressione sanguigna alta. Ovviamente la sua assunzione non comporta alcun rischio per il paziente. Infatti, gli effetti dei flavanoli si verificano solo quando i livelli di rigidità arteriosa e la pressione sono particolarmente alti.

Questa scoperta potrebbe dare il via all’utilizzo del cacao per la cura dell’ipertensione, riuscendo a gestire, i casi meno gravi, con una terapia farmacologica più lieve.

L’importanza dei flavanoli

I flavanoli sono una categoria di sostanze chimiche che appartengono ai flavonoidi. Questi sono presenti in diverse specie vegetali, incrementando le proprietà benefiche degli alimenti.

I flavonoidi non sono presenti soltanto nel cacao, ma anche in diversi tipi di frutta, cibo e bevande. Questa sostanza benefica è contenuta nella buccia e nei semi, della frutta e della verdura: la polpa ne è sprovvista.

Sono stati condotti diversi studi che hanno dimostrato il potenziale terapeutico dei flavanoidi. A quanto pare, alcuni di essi contribuiscono al benessere del cuore e, più in generale, dell’apparato cardiocircolatorio, svolgendo un effetto antinfiammatorio e antiossidante.

Infatti, diversi studi hanno dimostrato gli effetti inibitori dei flavanoli sulla vasodilatazione in soggetti sani. Sebbene in natura ci siano diverse frutti e verdure che contengono flavonoidi, il cacao risulta essere quello con la maggiore presenza di flavonoli.

Ma la cosa che stupisce di più del cacao, è la presenza di diverse tipologie di flavonoidi come l’epicatechina, la catechina e le proantocianidine oligomeriche.

Gli scienziati hanno somministrato ad un gruppo di volontari 821 mg di cioccolato e cacao al giorno. Dello studio ha dimostrato che a 5 giorni dal esperimento il cacao provoca una dilatazione dei vasi sanguigni a livello periferico. Questi incredibili risultati hanno dimostrato che gli alimenti ricchi di flavanoli hanno la capacità di proteggere l’essere umano dalle malattie coronariche, compresi gli infarti.

Lo studio

Lo studio condotto dai ricercatori dell’Università del Surrey ha dimostrato che l’assunzione di flavanoli riduce la pressione sanguigna e la rigidità arteriosa, nei soggetti al di fuori di contesti clinici.

Il professore Christian Heiss di medicina cardiovascolare dell’università ha dichiarato:

“L’ipertensione e la rigidità arteriosa aumentano il rischio di malattie cardiache e ictus, quindi è fondamentale studiare modi innovativi per trattare tali condizioni. Ma prima di prendere in considerazione l’introduzione del cacao nelle pratiche cliniche, dobbiamo testare se i risultati precedentemente riportati in ambienti di laboratorio si traducono in modo sicuro in contesti del mondo reale, con le persone che vivono la loro vita quotidiana”.

I ricercatori hanno condotto lo studio su 11 persone sane. Ai partecipanti, è stato chiesto di consumare 6 capsule di flavanoli contenenti 862 mg di cacao o, in alternativa, 6 capsule placebo con all’interno zucchero di canna.

Gli 11 partecipanti dovevano monitorare la pressione sanguigna, la rigidità arteriosa e la velocità dell’onda del polso.

I risultati hanno dimostrato che la pressione sanguigna e l’onda del polso, misurati prima del consumo delle capsule e dopo 30 minuti dall’ ingestione del cacao, andavano a diminuire nei soggetti con alti livelli di rigidità e pressione alta. Nei soggetti sani, invece, non è stato riscontrato alcun cambiamento.

Heiss ha spiegato che:

“L’impatto positivo dei flavanoli del cacao sul nostro sistema cardiovascolare, in particolare sulla funzione dei vasi sanguigni e sulla pressione sanguigna, è innegabile. I medici – ha continuato – spesso temono che alcune compresse per la pressione sanguigna possano abbassare troppo la pressione sanguigna in alcuni giorni. Noi abbiamo scoperto che flavanoli del cacao riducono sì la pressione sanguigna ma solo se è elevata”.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base