Taglio dell’IVA, i desideri dei consumatori verranno esauditi? Iniziamo a sognare ad occhi aperti

L’ipotesi del taglio dell’IVA, se realizzata, porterebbe un grande risparmio per i consumatori. Quantifichiamo i soldi che rimarranno nelle nostre tasche.

Al centro delle preghiere dei consumatori c’è il taglio dell’IVA. Se il Decreto Aiuti Bis dovesse confermarlo la spesa sarebbe più leggera.

taglio dell'IVA
Adobe Stock

Un esecutivo in carica per gli affari correnti sta valutando l’ipotesi del taglio dell’IVA sui generi alimentari. L’obiettivo è aiutare i cittadini ad affrontare l’inflazione che ha toccato l’8% e che avanza incessantemente. Il provvedimento potrebbe contare su 14 miliardi di risorse e garantirebbe un risparmio di circa 200 euro a famiglia. Si tratta di una cifra importante che ridurrebbe le uscite e potrebbe essere riservata per altre spese. In più, il taglio dell’IVA riguarderebbe i beni che da qualche mese a questa parte hanno subito i i rincari più elevati. L’aumento è stimato intorno al 9% andando ad influire notevolmente sulla spesa al supermercato. I carrelli stanno diventando sempre più vuoti mentre le carte di credito si svuotano come prima. Ridurre l’IVA su pane, pasta, olio, zucchero e così via sarebbe un forte segnale di aiuto ai consumatori.

Taglio dell’IVA, i costi per lo Stato

L’attuale quotazione dell’IVA su pane, pasta e olio è del 4% e un eventuale azzeramento costerebbe rispettivamente 253 milioni, 76 milioni e 141 milioni di euro. Per carne, pesci e derivati, invece, la percentuale varia tra il 10% e il 5% che si tradurrebbero in una spesa per lo Stato di 319 milioni di euro per la carne bovina, 250 milioni per il pesce, 318 milioni per il pollo e 90 milioni per le uova. Il costo totale del taglio dell’IVA sarebbe, dunque, di 1 miliardo e mezzo per le casse statali.

Il risparmio per le famiglie

Il risparmio per i consumatori, invece, è stimato dai 15 ai 30 euro mensili a famiglia. Si tratta di un importo puramente indicativo dato che per quantificare il reale risparmio sarebbe necessario valutare tenore di vita, numero dei componenti del nucleo familiare e dieta alimentare seguita. L’impatto del taglio dell’IVA, dunque, potrebbe non rilevarsi particolarmente importante soprattutto per le fasce economicamente più deboli.

Confagricoltura ha cercato di ipotizzare un risparmio tenendo conto dell’inflazione e dell’aumento dei prezzi. Quest’ultimi due elementi implicano un aumento del costo della spesa dell’8% circa ossia di 38 euro in più al mese. Con l’azzeramento dell’IVA al 4% e la riduzione di quella al 10% si raggiungerebbe un risparmio mensile di 16,5 euro. Sottraendo ai 38 euro i 16,5 di risparmio si ottiene come risultato 21,5 euro al mese ossia il vero risparmio in un mese. Moltiplicando le cifre per un anno si ha 456 euro di aumento a cui detrarre 258 euro di risparmio per il taglio dell’IVA ottenendo, così, un risparmio di 198 euro all’anno.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base