Pagamenti con pos obbligatori: ecco come denunciare chi non li accetta

Con l’inserimento di sanzioni vi è un maggiore focus sull’utilizzo del pos. Vediamo chi deve fare la denuncia.

Come noto l’utilizzo del pos, ossia lo strumento che permette il pagamento tramite moneta elettronica, è obbligatorio dal 2014.

pagamenti pos carta
Foto © AdobeStock

 

Ma solo, solo dopo lo scorso 30 giugno, con l’entrata in vigore di sanzioni la normativa è stata presa davvero in considerazione.

Come avviare i controlli

Nonostante l’inserimento delle multe, mancano ancora i controlli. Infatti, per il momento, scattano solo a seguito di una segnalazione da parte di un cliente che può denunciare la mancata possibilità di pagare tramite bancomat o carta di credito. A questo punto sarà compito delle autorità competenti procedere con gli accertamenti del caso e sanzione il titolare dell’attività o il professionista. Mentre i controlli, sostanzialmente, spettano all’Agenzia delle Entrate e alla Guardia di Finanza.

Come denunciare chi non accetta pagamenti tramite pos

Ci sono due modi per poter fare una denuncia. Il primo è quello di chiamare direttamente al 117, che è il numero gratuito della Guardia di Finanza ed è disponibile 24 ore su 24. In questo caso si può aspettare la volante direttamente sul posto, oppure lasciare l’indirizzo e le informazioni necessarie tramite telefono. Saranno poi gli agenti a fare le indagini del caso. In questo modo, la denuncia non sarà mai fatta in forma anonima. Il secondo è quello di compilare un modulo scaricabile dal sito internet, trovabile anche sul sito della Guardia di Finanza, che permette di fare la segnalazione. Il modulo compilato e firmato va portato a mano presso la centrale operativa più vicina.

Meglio inserire sempre i dati anche di chi fa la denuncia

Nel modello, oltre ad indicare il luogo e il nome dell’attività dove è avvenuto l’illecito, vanno inserite anche le generalità di chi sta facendo la denuncia. Qualora, non si voglia lasciare i propri dati anagrafici, è comunque possibile denunciare quanto successo in forma anonima. Va però specificato, che spesso le autorità competenti, tendono a non prendere in considerazione una denuncia pervenuta in forma anonima. E’ quindi preferibile, per dare seguito a quanto accaduto, che vengano sempre indicate le generalità anche di chi sta facendo la denuncia.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base