Allerta alimentare, insalata russa ritirata dagli scaffali: cosa fare se l’avete acquistata

Attenzione, nuova allerta alimentare. È stato di recente ritirato dagli scaffali un lotto di insalata russa. Ecco il motivo.

In base a quanto si evince dal sito del Ministero della Salute è stato di recente richiamato un lotto di insalata russa. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Insalata russa
Foto © AdobeStock

Lavoro, famiglia e non solo. Sono molte le cose da dover fare tutti i giorni e che richiedono il nostro massimo impegno. Non crea stupore quindi il fatto che possa capitare a tutti di compiere alcuni gesti comuni, come semplicemente fare la spesa, senza nemmeno accorgersi di quello che si sta effettivamente comprando.

Proprio in tale ambito, fortunatamente, giungono in nostro aiuto gli addetti ai lavori che segnalano tempestivamente eventuali problemi. A tal proposito, ad esempio, interesserà sapere che il Ministero della Salute ha di recente ritirato dagli scaffali un lotto di insalata russa. Ma per quale motivo? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Allerta alimentare, insalata russa ritirata dagli scaffali: tutto quello che c’è da sapere

Come già detto, tutte le volte che facciamo la spesa è opportuno prestare la massima attenzione alle caratteristiche degli alimenti che mangiamo, onde evitare di dover fare i conti con spiacevoli inconvenienti. Fortunatamente in tale ambito giungono in nostro aiuto il Ministero della Salute e le varie autorità competenti, che provvedono a segnalare tempestivamente eventuali problematiche.

Proprio in tale ambito, ad esempio, abbiamo visto che di recente è stato reso noto il ritiro di questo caffè dagli scaffali per “rischio chimico”. Ma non solo, sempre in base a quanto reso noto di recente dal Ministero della Salute sul proprio portale sugli Avvisi di sicurezza e ai Richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori, è stato di recente richiamato un lotto di insalata russa a marchio Bontà Gastronomiche.

Il motivo del richiamo? La “presenza di Listeria monocytogenes”. Il prodotto in questione, ricordiamo, è venduto in confezioni da 250 grammi e il numero di lotto interessato è PA200522 con data di scadenza o termine minimo di conservazione al 20 luglio 2022.

L’insalata russa oggetto di richiamo, sempre in base a quanto si evince dall’avviso poc’anzi citato, è stata prodotta dall’azienda Gastronomy Srl presso lo stabilimento di via Enrico Berlinguer 17/19, a Ladispoli (RM).

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Nel caso in cui abbiate acquistato tale alimento, quindi, si raccomanda di riportarlo al punto vendita per la relativa sostituzione. Si precisa, inoltre, che analoghi prodotti con lotto differente non sono oggetto di richiamo e possono essere tranquillamente consumati.