TFR e crediti di lavoro, attenti al coefficiente di rivalutazione: come cambia l’importo

TFR e crediti di lavoro, occhio al coefficiente di rivalutazione in quanto contribuisce a cambia l’importo delle misure in questione. Ecco come funziona.

Importanti cambiamenti in vista per quanto riguarda il TFR e i crediti di lavoro per effetto dell’aggiornamento dei coefficienti di rivalutazione. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

rivalutazione tfr
Foto © AdobeStock

Il lavoro nobilita l’uomo offrendo la possibilità di attingere a quella fonte di denaro necessaria per far fronte alle varie spese della vita quotidiano. Un’attività indubbiamente importante, che non può però essere svolta per sempre. Proprio per questo motivo è sempre bene ricordare che alla fine dell’attività lavorativa si ha diritto alla liquidazione del TFR, acronimo di Trattamento di Fine Rapporto.

A tal proposito abbiamo già visto assieme come siano in molti ad esempio a chiedersi se un lavoratore può presentare domanda per ottenere l’anticipo del TFR. Oggi, invece, vedremo assieme come siano previsti importanti cambiamenti per quanto concerne il TFR e i crediti di lavoro per effetto dell’aggiornamento dei coefficienti di rivalutazione. Ma cosa sta succedendo? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

TFR e crediti di lavoro, occhio al coefficiente di rivalutazione: tutto quello che c’è da sapere

Come riportato su Informazione Oggi, l’Istituto centrale di statistica, ovvero l’Istat, con un comunicato del 16 giugno ha reso noto l’Indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati.

Tale indice si riferisce al mese di maggio 2022 e proprio sulla base di quest’ultimo vengono determinati i coefficienti di rivalutazione del trattamento di fine rapporto, ovvero TFR, e dei crediti di lavoro. Proprio il TFR, ricordiamo, è formato dalla somma di accantonamenti annui di una quota di retribuzione che viene rivalutata periodicamente.

Il coefficiente di rivalutazione di maggio 2022 delle quote del TFR accantonata al 31 dicembre 2021 è pari 3,3732345. Entrando nei dettagli, sempre come riportato su Informazione Oggi, questi sono i valori inerenti il mese di maggio 2022:

  • periodo: dal 15 maggio al 14 giugno 2022
  • indice ISTAT: 110,6
  • delta % indice: 4,143126
  • rateo 1,5: 0,625
  • 75% delta indice: 3,107345
  • coefficiente rivalutazione: 3,732345.

L’indice in questione, quindi, è stabilito in 110,6 e risulta pertanto in rialzo rispetto al mese precedente. Ne consegue, pertanto, che anche l’importo del trattamento di fine rapporto e dei crediti di lavoro subisce un cambiamento in tal senso.