Latte contaminato dai pesticidi, scatta l’allarme: ecco le marche da segnare

Il latte contaminato da pesticidi è stato individuato in seguito ad alcuni studi effettuati da Il Salvagente. Ecco la lista delle marche sicure.

Secondo una recente ricerca effettuata da salvagente, alcune marche di latte presenti in commercio sono contaminati da agenti chimici e pesticidi. Considerando che il latte è uno degli alimenti più consumati, questa notizia ha fatto scattare l’allarme per i consumatori.

Latte contaminato dai pesticidi, scatta l'allarme per i consumatori: ecco le marche da segnare

La maggior parte delle persone nel mondo occidentale consuma abitualmente il latte vaccino. Alla luce di ciò sarebbe corretto adottare in tutti i paesi produttori le medesime regole, che servono a garantire che la bevanda sia priva di sostanze nocive.

Purtroppo, però, esistono delle discrepanze da paese a paese che permettono ad alcuni allevatori di offrire al bestiame mangime contaminato da pesticidi e antibiotici. Si tratta di un modo per risparmiare sulla qualità dell’alimento fornito all’animale.

Mentre, l’utilizzo di antibiotici serve a combattere le infezioni, come ad esempio la mastite che può verificarsi nei periodi in cui il latte è carente.

In molti casi, questi antibiotici lasciano dei residui nel latte che è imbottigliato e venduto ai consumatori.

Per questo motivo, sono stati effettuati delle analisi sui campioni di latte presenti sul mercato.

Lo studio in questione è stato realizzato da Il Salvagente e non ha lo scopo di screditare le aziende, ma offrire informazioni utili al consumatore.

In questo modo, infatti, i consumatori di latte hanno una possibilità di scegliere con maggiore consapevolezza il prodotto da acquistare.

Latte contaminato da pesticidi: individuate 21 marche sicure

Gli studi condotti da Il Salvagente ha individuato 21 tipologie di latte italiano che possono essere considerate sicure.

Le tipologie di prodotto sono suddivise tra fresco e a lunga conservazione. I dati ottenuti dall’analisi effettuata sono stati condivisi, in modo tale che i consumatori possano prenderne visione e avere maggiore consapevolezza di ciò che portano in tavola.

Dalle analisi effettuate è risultato che le aziende italiani produttrici di latte sono generalmente rispettose nei protocolli. Tuttavia, sono stati analizzati 56 tipi diversi di latte e, di questi, solo 21 sono i risultati sicuri. Per gli altri 35 tipi di latte è stata rilevata una presenza minima di pesticidi e agenti chimici.

Dunque possiamo affermare che in linea generale il latte prodotto dalle aziende italiane è sicuro, con le dovute eccezioni.

Qual è il miglior latte in commercio

Secondo Il Salvagente le aziende che producono latte in Italia sono rispettose delle leggi e dei protocolli fissati.

In commercio ci sono circa 56 tipologie diverse di latte, tra quello fresco e quello a lunga conservazione.

Di questi, alcuni prodotti hanno presentato delle alterazioni che sono comunque previste dai protocolli e, dunque, possono essere messi regolarmente in commercio.

La ricerca effettuata da Il Salvagente non ha preso in considerazione la provenienza o il prezzo dei vari prodotti. Inoltre, i risultati della ricerca sono pubblici e portano solo il nome delle aziende per le quali non è stato ritrovato alcun prodotto chimico nella bevanda.

I prodotti che hanno ottenuto un punteggio, poiché individuati come senza pesticidi, sono:

  • Granarolo Latte Intero UHT;
  • Selex alta qualità fresco;
  • Parmalat Zymil alta digeribilità magro;
  • Sterilgarda latte parzialmente scremato UHT;
  • Arborea latte intero UHT;
  • Parmalat Bontà e linea parzialmente scremato UHT.