Basta un drink, un solo drink: il cervello non sarà più lo stesso

L’assunzione moderata di drink mette a serio rischio il nostro cervello. La comunità scientifica è concorde sull’associazione tra alcool e riduzione della materia celebrale.

Non solo un abuso ma anche un drink al giorno può portare ad un rimpicciolimento del cervello con conseguente perdita delle facoltà cognitive.

drink salute danni al cervello
Adobe Stock

Bere molti drink in una giornata significa avere una dipendenza che creerà molti danni alla salute. Sono noti a tutti gli effetti negativi dell’alcool sull’organismo ma l’ultima rivelazione spaventa anche chi ha l’abitudine di assumere moderatamente alcolici o superalcolici. La comunità scientifica è concorde nell’affermare che il passaggio da uno a due drink al giorno comporta un cambiamento nel cervello soprattutto in relazione alle sue dimensioni. I livelli di consumo a basso rischio segnalati dalle linee guida internazionali sono, dunque, poco attendibili in base alle nuove ricerche. Un drink per le donne rientra ancora nei limiti accettabili ma due drink per gli uomini potrebbero riservare amare sorprese.

Drink e salute, gli effetti dannosi anche con assunzione moderata

Lo studio scientifico è arrivato alla conclusione che più alcool si beve più la materia celebrale diminuisce. Sono stati analizzato oltre 36 mila adulti e la conclusione è stata una sola. Il passaggio da zero ad una unità di alcool (un bicchiere di vino o mezzo boccale di birra) non incide negativamente sul cervello ma quando si passa da una a due unità al giorno la differenza comincia a farsi notare e le dimensioni del cervello iniziano a diminuire. Parliamo di una riduzione che corrisponde a circa due anni di invecchiamento. Ciò significa una maggiore rapidità di invecchiamento del cervello che non corrisponderebbe all’età anagrafica della persona.

Tre unità al giorno (due boccali di birra), poi, sembrerebbero corrispondere a tre anni e mezzo di invecchiamento precoce con restringimento del cervello.

Le conclusioni degli scienziati

I risultati riportati dallo studio rappresentano una correlazione tra alcool e rimpicciolimento del cervello e non una causalità. Più si beve più la materia celebrale diminuirà, queste le conclusioni di Remi-Daviet, co-autore e ricercatore. La ricerca si è soffermata sull’assunzione di un drink al giorno ma probabilmente proseguirà per capire gli effetti di un’unica assunzione di sette drink in un solo giorno della settimana non bevendo affatto i giorni restanti. Allo stesso modo occorrerà approfondire il bere fino all’ubriachezza che sembrerebbe avere effetti devastanti sul cervello. Oltre la correlazione, dunque, gli studiosi indagheranno sulla causalità utilizzando nuovi set di dati biomedici longitudinali su persone che invecchiano. L’obiettivo è capire gli effetti nel tempo e cercare di appurare se anche un solo drink in più al giorno potrebbe essere più dannoso di tutti gli altri drink bevuti in giornate precedenti.