Pensione, le 7 agevolazioni che (forse) non sapevi di avere

Chi percepisce una pensione, spesso ottiene il diritto a un serie di indennità e bonus. Ma anche semplici sconti. Basta conoscerli.

 

Nel momento in cui il compendio fra anni di contribuzione ed età anagrafica riesce, la vita diventa decisamente migliore. Significherà, infatti, che il lavoratore è riuscito a ottenere la pensione, ossia lo strumento di sussistenza una volta finita la propria carriera lavorativa.

Pensione agevolazioni
Foto © AdobeStock

Certo, l’Italia ha il problema degli assegni bassi. E, nondimeno, dell’effettivo raggiungimento del trattamento pensionistico. Tuttavia, per chi è stato abbastanza fortunato da ver ottenuto un assegno congruo e un trattamento continuativo, la situazione sarà di sicuro più tranquilla rispetto alla restante parte dei contribuenti. Anche perché, accanto alla pensione, i beneficiari potranno usufruire di una serie di agevolazioni mirate, volte a rendere più semplice lo scorrere della vita andando avanti con l’età. È chiaro che, affinché indennità e bonus vari siano effettivamente fruibili, nella maggior parte delle circostanze ci vorrà il supporto di un determinato Isee. Spesso, infatti, tali agevolazioni sono destinate a nuclei familiari meno abbienti.

Le indennità previste riguardano alcune tasse obbligatorie, oppure le spese legate alle utenze domestiche. Non mancano però delle agevolazioni specifiche per prestiti, trasporti e accesso a luoghi di cultura e intrattenimento, come teatri e cinema. In sostanza, qualora si rientri in una determinata fascia di reddito, si avrà diritto a utilizzare alcuni particolari benefici, proporzionati sia alle disponibilità economiche che all’età anagrafica. Sette di queste, per quanto riconosciute come diritti effettivi, non sempre vengono utilizzate da chi potrebbe. Basti pensare all’accesso in luoghi come cinema e teatri, dove agli over 65 è quasi sempre riconosciuto uno sconto su biglietti e abbonamenti.

Pensione, scattano agevolazioni importanti: quali sono le più utili

Dalle bollette alle tasse, con alcuni riferimenti ben precisi. Arrivare alla pensione è già di per sé un vantaggio, anche se non sempre corrisposto da una situazione effettivamente rosea dal punto di vista del sostentamento economico. Ecco perché un pensionato, a fronte di un Isee non superiore a 8.265 euro (da dimostrare presentando l’apposita Dsu), otterrà uno sconto diretto in bolletta sui costi di acqua, luce e gas. Anzi, per la verità era così fino a poco tempo fa: il limite reddituale è stato infatti alzato a 12 mila euro, dall’1 aprile al 31 dicembre 2022. Stando così le cose, saranno circa 5 milioni le famiglie che riceveranno il sostegno. Ai pensionati, invece, spetta un’esclusiva sulla Tari, ossia la tassa sui rifiuti, proporzionalmente fra le più pesanti pagate dagli italiani.

Per la Tari, l’Isee che dà diritto allo sconto è determinato dal Comune. Anche i fondi messi a disposizione influiscono sulla detrazione. A ogni modo, qualsiasi Caf risolverà il dubbio. Tendenzialmente, il limite reddituale fissato è di 13.405,09 euro, il quale darà diritto a delle riduzioni per soggetti indigenti. Più semplice la questione prestiti: la Convenzione Inps consente di richiedere prestiti agevolati rimborsabili con delle piccole trattenute sul cedolino della pensione. Le rate, peraltro, non saranno mai superiori al 20% della pensione netta. Si tratta inoltre di prestiti assicurati, che non richiederà garanti nemmeno qualora il richiedente fosse cattivo pagatore.

Conti e trasporti

I pensionati con reddito basso potranno beneficiare di agevolazioni anche sul piano dei conti correnti: nello specifico, si tratta di conti con un numero limitato di operazioni durante l’anno ma senza alcun costo applicato. A proposito, anche i bollettini postali beneficeranno di uno sconto: -0,60 € per ogni bollettino. Infine i trasporti: per i mezzi pubblici, le riduzioni per chi percepisce una pensione variano in base al Comune di residenza. Per quelli a lunga tratta, Trenitalia riserva agli over 60 la cosiddetta Carta Argento, con sconti fra il 10% e il 25% a seconda del biglietto.