Ferrovie dello Stato assume: 40 mila nuovi posti di lavoro, come candidarti

Ferrovie dello Stato assume: fa parte del piano di investimenti da 190 miliardi di euro, che prevede 40mila nuove assunzioni in diversi ruoli.

Entro 2031 Ferrovie dello Stato punta a ricavi per 22,5 miliardi di euro. L’obiettivo verrà raggiunto attraverso lo sviluppo di 4 poli: infrastruttura, passeggeri, logistica e urbano. Inoltre, è prevista anche la produzione di energia rinnovabile.

ferrovie offre lavoro
foto adobe

 

È pronto il piano di investimento da 190 miliardi di euro di Ferrovie dello Stato che prevede un arco temporale di 10 anni, nel corso del quale avverranno 40.000 assunzioni.

Lo sviluppo seguirà quattro direttrici, ma il grosso degli investimenti avverrà nel biennio 2024-2026 quando si prevede lo spiegamento di risorse economiche per 20 miliardi di euro.

Ferrovie dello Stato assume: ecco quando accadrà

Il piano di investimento messo a punto da Ferrovie dello Stato prevede prima di tutto lo sviluppo delle infrastrutture. Questo polo fa capo a RFI e assorbirà 110 miliardi che verranno utilizzati per il miglioramento dell’infrastruttura ferroviaria e 50 miliardi che, invece, saranno impiegati per il miglioramento delle infrastrutture stradali.

Secondo quanto spiegato dall’AD Ferraris, la maggior parte degli investimenti avverrà nel biennio 2024-2026 e prevedrà anche la maggior parte delle assunzioni. Nel corso del suddetto biennio saranno investiti oltre 20 miliardi di euro all’anno.

L’obiettivo dichiarato è quello di raddoppiare la quantità di merci trasportate attualmente.

Per quanto invece riguarda gli obiettivi di medio termine è previsto un miglioramento della connettività a bordo, con lo scopo di adeguare tutta l’alta velocità con lo standard 4G entro i prossimi 18 mesi.

La produzione di energia rinnovabile

Ferrovie dello Stato ha in mente un piano di investimenti da 190 miliardi di euro, che comprende anche la valorizzazione e la riconversione di parte dei propri asset. Per questo motivo, è prevista l’installazione di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Con lo scopo di garantire una copertura di almeno il 40% del fabbisogno attuale del gruppo ferroviario.

In sostanza, i nuovi investimenti programmati da FS rientrano all’interno di quella transazione ecologica che vede coinvolti diversi settori.

Per questo motivo è stato disposto un piano di efficientemento e di riduzione dei consumi di energia annua del 2% rispetto alla domanda Nazionale.

Grazie questo intervento sarà possibile ridurre le emissioni di anidride carbonica per una quantità pari a 7,5 milioni di tonnellate all’anno. Nello specifico la riduzione nell’ambito del trasporto dei passeggeri farà registrare un meno 2,8 milioni di tonnellate annue. Mentre la riduzione relativa al trasporto merci produrrà una diminuzione pari a 2,9 milioni di tonnellate all’anno.