Bollo auto, occhio alla targa: in questo caso è possibile non pagare

Occhio alla targa della vostra auto, in quanto in determinati casi è possibile non pagare la tassa automobilistica. Ecco la verità che non ti aspetti.

In presenza di determinate targhe è possibile non pagare la tassa automobilistica. Ma di quali si tratta? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

auto bollo targa
Foto © AdobeStock

Sempre più famiglie, purtroppo, riscontrano delle serie difficoltà nel riuscire ad arrivare alla fine del mese. A partire dal Covid fino ad arrivare all’aumento generale dei prezzi, sono tanti i fattori che hanno un impatto negativo sulle nostre tasche. Se tutto questo non bastasse, le spese sembrano non finire mai.

Tra le voci che incidono maggiormente sul bilancio famigliare si annovera senz’ombra di dubbio il bollo auto. Proprio soffermandosi su quest’ultimo, pertanto, interesserà sapere che in presenza di determinate targhe è possibile non pagare la tassa automobilistica. Ma di quali si tratta? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Bollo auto, occhio alla targa: tutto quello che c’è da sapere

Abbiamo già visto come sia importante prestare attenzione alla prescrizione del bollo auto, in quanto non sempre è possibile fare ricorso. Sempre soffermandosi sulla tassa automobilista, inoltre, è bene ricordare che in determinati casi è possibile non pagarla. Tra i soggetti che possono beneficiare di tale esenzione, ad esempio, si annoverano: i disabili o  familiare del quale risultino fiscalmente a carico; in presenza di auto storiche con più di 30 anni oppure di auto elettriche.

In quest’ultimo caso, salvo diverse disposizioni della propria regione di competenza, soltanto per i primi cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione. Ma non solo, a non dover pagare il bollo auto sono anche gli automobilisti il cui veicolo presenti una targa estera. A tal proposito, però, è bene stare attenti, in quanto non è sufficiente avere una targa estera per non dover pagare la tassa automobilistica.

Bollo auto, esenzione targa estera: occhio alla residenza

Per poter beneficiare di tale agevolazione, d’altronde, non è sufficiente che il veicolo non sia immatricolato in Italia. Il proprietario del mezzo, infatti, deve avere anche residenza all’estero. È facile intuire, pertanto, che nel caso in cui la targa sia estera, ma il proprietario abbia residenza in Italia, allora quest’ultimo deve ugualmente provvedere al pagamento della tassa automobilistica.

Entrando nei dettagli l’automobilista in questione deve provvedere, obbligatoriamente, ad immatricolare il mezzo in Italia i veicoli entro 60 giorni dal momento in cui ha ottenuto la residenza nel nostro Paese. Nel caso in cui si registrino ritardi o addirittura mancato pagamento, allora il soggetto interessato rischia di dover fare i conti con pesanti sanzioni.

Occhio quindi alla targa! Se è pur vero che in determinati casi è possibile non pagare proprio grazie alla propria targa, infatti, è bene ricordare che questo è concesso solo nel caso in cui la targa sia estera e l’automobilista abbia residenza all’estero.