Bancomat, occhio all’errore: in questo caso scattano i controlli

Occhio ai movimenti con il bancomat in quanto in questo caso scattano i controlli. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Importanti novità per quanto riguarda il bancomat, per cui si invita a prestare particolare attenzione alle nuove normative da seguire. Ecco cosa c’è da aspettarsi.

bancomat errore controlli normativa
Foto © AdobeStock

Spesa settimanale, istruzione dei figli, biglietti aerei o del treno, ma anche vacanze e chi più ne ha più ne metta. Sono tanti i costi da dover sostenere e che incidono sul bilancio famigliare. Allo stesso modo sono molti gli strumenti di pagamento disponibili, quale ad esempio il bancomat. Ebbene, proprio soffermandosi su quest’ultimo si invita a prestare attenzione ad alcune importanti novità.

A partire dalla soglia massima di pagamenti in contanti fino ad arrivare al limite di soldi da tenere in casa o nel portafoglio, è sempre bene rispettare la nuova normativa onde evitare di incorrere in spiacevoli sorprese. Entriamo quindi nei dettagli per vedere quali sono i cambiamenti con cui dover fare i conti e soprattutto quello che c’è da sapere in merito.

Bancomat, in questo caso scattano i controlli: tutto quello che c’è da sapere

Tra gli strumenti di pagamento più utilizzati e apprezzati, abbiamo già avuto modo di vedere come sia importante prestare la massima attenzione a questa data, in quanto a breve il vostro bancomat verrà disabilitato. Sempre soffermandosi sul bancomat, inoltre, si invita a prestare particolare attenzione alla nuova normativa, onde evitare di incorrere in spiacevoli inconvenienti.

Ma di cosa si tratta? Innanzitutto ricordiamo che il governo ha stabilito un limite massimo, da non superare, per quanto riguarda i pagamenti con denaro contante. A partire dal 1° gennaio 2022 sarebbe dovuto scattare il limite di cash nelle transizioni pari a massimo 999,99 euro.

In seguito alla votazione degli emendamenti al decreto Milleproroghe, però, il limite di 999,99 euro partirà dal 2023. Nel corso del 2022, quindi, è possibile effettuare pagamenti con denaro contante fino a massimo 1.999,99 euro. Superati tali limiti si rischia di incorrere in sanzioni con importi fino a ben 50 mila euro.

Bancomat, in questo caso scattano i controlli: occhio ai movimenti di denaro

Ma non solo, bisogna prestare particolare attenzione anche ai soldi in casa e che portiamo nel portafoglio. In questo caso non sono previsti dei limiti ben definiti. Tuttavia se si viene trovati con troppi soldi in casa, soprattutto rispetto al proprio tenore di vita, allora scattano i controlli.

Grazie alla super anagrafe dei conti correnti, d’altronde, l’Agenzia delle Entrate può controllare tutti i movimenti sia sul conto corrente che sul bancomat. Ne consegue che tutti i versamenti e prelievi tramite bancomat possono essere oggetto di controllo.

Questo, in particolare, può aver luogo nel caso in cui i vari movimenti risultino non in linea con quanto emerge dalla dichiarazione dei redditi. Il tutto, ovviamente, avviene al fine di verificare eventuali casi di evasione fiscale. Occhio quindi ai movimenti con il bancomat, in quanto in alcuni casi possono scattare i controlli del Fisco.