Tormentati dall’Isee alto: ecco cosa si può fare per abbassarlo

Oggi più che mai qualsiasi aspetto legato alla possibilità per un nucleo familiare di avere agevolazioni passa per l’Iss.

L’ Indicatore della Situazione Economica Equivalente, chiaramente in abbreviato Isee è quel dato, se cosi vogliamo dire, riferito al nostro reddito che va a determinare la nostra collocazione in quelle graduatorie, i quegli elenchi, in quelle dinamiche tutte che prevedono qualsiasi tipo di agevolazione. La ricchezza di una famiglia in pratica attraverso una serie di indicazioni che possono determinare vantaggi ma non solo.

Isee
Fonte Adobe Stock

Per spiegare meglio di cosa parliamo nel dettaglio è giusto considerare il tutto partendo da due semplici definizioni che di fatto riguardano la concezione stessa dell’Isee, la determinazione della sua struttura. Secondo quanto apparentemente stabilito proprio da questo indicatore nucleo familiare e stato di famiglia andrebbero a coincidere. In realtà però ci sono delle differenze ben precise. Nel primo caso parliamo di un elemento dello stesso indicatore che stabilisce chi è o meno a carico del dichiarante.

Nel caso poi dello stato di famiglia, altra documentazione rilevantissima per fini Isee abbiamo invece la certificazione del grado di parentela tra le persone e quindi la composizione anagrafica della famiglia. In questo caso parliamo di persone che devono abitare tutte sotto lo stesso tetto. Il caso che spesso getta nel panico gli italiani è legato alla possibilità di superare gli ostacoli di fatto rappresentati dai vincoli dell’indicatore in questione. In qualche caso però la soluzione dovrebbe esserci ed anche assolutamente legale.

Tormentati dall’Isee alto: sdoppiamento dell’immobile, questa è la soluzione

Richiedere agevolazioni senza cambiare in realtà immobile, senza lasciare la casa dei genitori insomma e quindi perdere la possibilità di ricevere l’agevolazione stessa. Il procedimento da poter mettere in atto si chiama sdoppiamento dell’immobile. Andare a vivere da soli ad esempio per un figlio e chiedere il bonus affitto. La soluzione è totalmente legale, tutto secondo la legge. Come detto lo sdoppiamento dell’immobile.

Dividere in due un appartamento insomma senza che però si perda in qualche modo la residenza. Due famiglie invece di una nella stessa residenza. Due diverse unità abitative. Il tutto realizzabile attraverso una pratica edilizia che ad ogni modo deve essere approvata sia per quello che riguarda il punto di vista economico. L’immobile in pratica potrebbe anche non prevedere per ragioni strutturali la divisione in questione. L’aspetto economico riguarda prettamente lo sforzo utile per creare di fatto una doppia abitazione, doppio ingresso e quant’altro.

Il tutto insomma può essere condotto a regola d’arte seguendo ciò che dice la legge. Il tutto però ha un costo ed una serie di situazioni da prendere in considerazione. Ogni cosa deve seguire la sua logica il suo percorso, ogni cosa deve essere fatta nel modo giusto per dare vita a due diverse unità abitative con la stessa residenza. In questo modo la questione nucleo familiare è scavalcata e si può andare verso la richiesta di quelle che sono le specifiche agevolazioni in questione. Ogni cosa al suo posto quindi per provare a recuperare qualcosa rispetto a quanto potenzialmente ottenibile.

Consideriamo numerosi aspetti e non sempre è possibile scavalcare regolamenti e quant’altro. In qualche caso però lo è. Questo è uno d quelli, indubbiamente ed il consiglio in questione può rivelarsi davvero molto interessante.