I pagamenti INPS sono ripartiti, le sorprese di Pasqua non sono finite

Subito dopo Pasquetta, arrivano sorprese per tutti. I pagamenti INPS sono ripartiti, in arrivo RdC, Assegno Unico, Naspl e Bonus ex Renzi.

Si prospettano giorni ricchi per tanti cittadini. Molte le date di pagamento in cui l’Istituto Previdenziale verserà i benefit. In arrivo soldi per i percettori del Reddito di Cittadinanza, il sussidio di disoccupazione, ma anche l’Assegno Unico Universale e (per qualcuno) il Bonus ex Renzi.

pagamenti inps
Adobe Stock

Ricarica RdC, a chi arriva e quando

In questi giorni sono attive le elaborazioni che porteranno le attese ricariche nella carta del Reddito. Per chi ha fatto la domanda il mese scorso per la prima volta, il 15 sarà giorno di paga. In alcuni casi, a seconda delle elaborazioni di Poste, ci possono volere ulteriori 2 o 3 giorni.

In arrivo nelle stesse date anche le mensilità per chi ha effettuato il rinnovo. Mentre chi attende la ricarica classica, i giorni di pagamento previsti sono quelli compresi tra il 27 e il 30 di aprile. Purtroppo, considerando che il 25 è un giorno festivo, è molto probabile che le ricariche slittino, ma INPS ha più volte sorpreso i percettori con accrediti anticipati, e forse anche per il mese di aprile sarà così.

Arriva anche la Naspl

Per quanto riguarda invece il sussidio di disoccupazione, qualche fortunato ha già ricevuto l’importo relativo a marzo i primi del mese, verso l’8. Ma i pagamenti non sono uguali per tutti. Molti riceveranno l’assegno entro la prossima settimana. Per qualcuno, soprattutto se ha fatto la prima domanda, l’importo dovuto potrebbe essere frazionato in due versamenti distinti. Una quota entro il 15 del mese di aprile e l’altra entro il 30.

Bonus ex Renzi, c’è ancora qualche aggiustamento in corso

Sul fronte del Bonus ex Renzi dei 100€, anticipiamo che l’Istituto di Previdenza ha già in corso alcune elaborazioni. In primis proprio per chi percepisce la Naspl. Qualcuno già dal 13 ha visto riconosciuto il bonus. Non mancheranno però altre sorprese da qui a fine mese. Alcuni potrebbero aver ricevuto il bonus “a singhiozzo”. Ma non c’è da temere perché è possibile recuperare gli arretrati in sede di dichiarazione dei redditi.

Arriva l’Assegno Unico Universale

Un’altra importante scadenza per chi attende l’AU è individuata tra il 24 e il 30 del mese. Su questo benefit sono ancora in corso accertamenti. Chi ha fatto la domanda regolarmente ha già visto il primo accredito a marzo scorso. Ma non a tutti è arrivato. Inoltre ci sono i ricalcoli dell’RdC e per qualcuno la situazione non è ancora del tutto definita. Ma Inps rassicura che tutto sta tornando alla normalità, e presto le erogazioni saranno stabili per tutti i beneficiari.