Le 7 “meraviglie” del mondo… dei bonus: quali sono e a chi convengono

Una serie di bonus poco visibili ma efficaci, utili per ammortizzare i costi e usufruire di sconti. Ma solo per pochi eletti.

 

Sette meraviglie, sette saggi e sette re. La storia antica è costellata di riferimenti al numero 7, così come lo sono la mitologia e la religione. Basti pensare alle Pleiadi oppure alle virtù e ai 7 vizi capitali.

7 Bonus convenienti
Foto © AdobeStock

E’ vero che un numero non può raccontare di per sé una storia ma può essere perlomeno indicativo di un argomento di una certa rilevanza, se è vero che gli antichi scelsero proprio tale cifra per indicare le meraviglie dell’ingegno umano. Qualche anno fa si era deciso di stilare una nuova lista, includendo tutte quelle opere che l’uomo è stato in grado di plasmare dopo l’età antica. Non mancarono le polemiche né i campanilismi. Il numero però era rimasto: 7, come accadde qualche migliaio di anni fa. A fronte di un elenco di potenziali candidati che avrebbe toccato (e toccherebbe tuttora) cifre decisamente maggiori. Certo, nessuno avrebbe mai pensato che una tale simbologia potesse essere applicata a qualcosa di decisamente più terra terra.

Anche se, per la verità, da un paio d’anni a questa parte anche l’argomento in questione ha fatto parte della vita quotidiana. In un modo peraltro ben più radicato di quanto non si pensi. Bonus e agevolazioni hanno dato un contributo essenziale negli anni della pandemia, pur nelle loro sfaccettature, non certo in grado di accontentare tutta la platea dei contribuenti. Sia in termini di risorse disponibili che di somme erogate. Eppure, non tutti i potenziali beneficiari sono a conoscenza del complesso delle agevolazioni a loro disposizione. In sostanza, alcuni bonus potrebbero più di altri sfuggire agli occhi dei contribuenti, nonostante possano averne diritto a tutti gli effetti.

I 7 Bonus che non conoscevi: ecco chi li può richiedere

Sette è il numero giusto. Tanti sono infatti i Bonus presenti ma meno “pubblicizzati” rispetto ad altri. Anche se, a conti fatti, rientrerebbero fra quelli maggiormente utili. Basti pensare al Bonus bollette che, accanto alle agevolazioni per contrastare il caro utenze, andrà a tracciare anche le prime linee guida per il superamento della dipendenza dal gas russo. Abbiamo visto come un emendamento al decreto miri a decretare il primo stop dei condizionatori, almeno per i pubblici uffici. Tuttavia, a interessare i contribuenti sono soprattutto i sussidi per luce, gas e acqua, contenuti in un bonus destinato agli Isee non superiori a 8.265 euro. Basterà la Dsu per ottenere non dei fondi ma uno sconto in bolletta.

Sconti e decurtazioni

E via discorrendo. Con l’Isee si ottiene anche l’eventuale riduzione della Tari, variabile in base ai fondi a disposizione. In questo caso sarebbe consigliabile rivolgersi a un Caf. Determinate fasce di reddito, consentono inoltre di accedere a sconti sul trasporto pubblico, dai biglietti agli abbonamenti. Saranno i Comuni a decretare le agevolazioni, variabili quindi da città a città. Enti nazionali, come la vecchia Alitalia o Trenitalia, prevedono sconti soprattutto per gli ultrasessantenni. La seconda, in particolare, concede la Carta Argento, con sconti variabili dal 10% al 25%. Persino i bollettini postali permettono uno sconto: basterà il documento d’identità per una decurtazione di 0,60 centesimi.

I bonus per i pensionati

Interessante anche il bonus per i pensionati a reddito basso, ossia con importo lordo annuo non superiore a 18 mila euro. Costoro potranno richiedere il cosiddetto conto corrente base che, pur limitando le operazioni a un tot l’anno, permetterà di essere esentati da qualsiasi spesa. Per gli over 65, inoltre, un occhio di riguardo sarà concesso anche per gli ingressi nei cinema e nei teatri, molti dei quali prevedono riduzioni variabili. Infine, per gli stessi pensionati Inps o ex Inpdap, esiste una Convenzione che permette il ricorso a prestiti vantaggiosi, con rate leggere e comunque mai superiori al 20% della pensione netta. Prestito che sarà assicurato e senza bisogno di garanti.