Bonus di accompagnamento alla pensione: importo e beneficiari

Metteremo sotto la lente di ingrandimento il Bonus di accompagnamento alla pensione. Scopriremo chi sono i beneficiari e qual è l’importo spettante.

Un bonus di accompagnamento per affiancare alcune categorie di lavoratori fino al raggiungimento della pensione. Più di 500 buoni motivi per approfondire la misura.

bonus di accompagnamento pensione
Adobe Stock

La pensione, una meta che genera sentimenti ambigui. Da una parte si teme il momento in cui si uscirà dal mondo del lavoro e ci si ritroverà pensionati, con nuove abitudini, meno impegni e più tempo da dedicare a sé stessi e alla famiglia. Dall’altra parte sono proprio quelle citate le nuove dinamiche tanto attese per regalarsi la meritata tranquillità dopo una vita di lavoro. Eppure, in molti casi i dubbi sulla possibilità di trovare questa tranquillità sono molti soprattutto con riferimento agli aspetti economici. Negli anni il divario tra l’importo dell’assegno pensionistico e lo stipendio è aumentato sempre più e le previsioni per il futuro non sono rosee. Ecco perché tanti lavoratori optano per soluzioni integrative che possano garantire una rendita aggiuntiva oltre alla pensione. L’attenzione verrà posta, oggi, sul Bonus di accompagnamento alla pensione. Scopriamo cos’è, chi può richiederlo e a quanto ammonta.

Bonus di accompagnamento alla pensione

Il Bonus di accompagnamento alla pensione spetta ai commercianti. Le risorse sono legate ad un apposito fondo per l’indennizzo della categoria di lavoratori in questione che viene alimentato da una piccola quota versata dai partecipanti sotto forma di contributi previdenziali. Il tutto mentre il commerciante è ancora in attività.

I beneficiari della misura sono agenti di commercio, i rappresentanti, i titolari di attività di somministrazione di bevande e alimenti, i dettaglianti al minuto che hanno svolto l’attività su aree pubbliche o come venditori ambulanti. In ogni caso, l’indennità si comincerà a richiedere solamente dopo la cessazione dell’attività. L’importo spettante è di 516 euro.

Requisiti per accedere all’indennità

I commercianti devono rispettare alcuni requisiti anagrafici e contributivi. Sono necessari almeno cinque anni di contributi previdenziali obbligatori versati nella Gestione INPS per i commercianti. Inoltre, occorrerà aver raggiunto l’età di 62 anni per gli uomini e di 57 anni per le donne al momento della cessazione dell’attività.

Condizioni necessarie, poi, sono che l’attività sia stata chiusa e non ceduta a terzi e che sia avvenuta la cancellazione dal Registro delle Imprese e dal Registro degli esercenti il commercio. La domanda di accesso alla prestazione si può inoltrare l’anno successivo alla data di chiusura dell’attività. Concludiamo ricordando che è possibile rimanere fuori dall’indennità a causa dell’esaurimento dei fondi. Può capitare, dunque, che il Bonus di accompagnamento alla pensione venga sospeso in caso di mancanza di fondi.