Nuovo Codice della Strada, i 3 “errori” che ti azzerano i punti sulla patente

Il Nuovo Codice della Strada sta diventando motivo di “disperazione” tra tanti automobilisti. L’ultimo riguarda la decurtazione dei punti sulla patente. 

Guidare un veicolo nella maniera scorretta porta a diverse conseguenze. Non solo multe, talvolta salatissime. In alcuni casi, se l’effrazione è grave, si rischia il carcere. O si pagano i danni di tasca propria. Ma anche i punti della patente possono essere azzerati con molta facilità. Vediamo come.

Nuovo Codice della Strada
Adobe

I 20 punti che ognuno ha sulla propria patente costituiscono un vero e proprio “tesoretto”. Per mantenerli, l’automobilista deve comportarsi bene. Addirittura per i più virtuosi ne sono previsti 2 extra. Ma bastano pochi errori e si rischia di dover ricominciare da capo. Sì, perché una volta che i punti sono arrivati a zero, bisogna ritornare a scuola guida. Meglio evitare, dunque!

Nuovo Codice della Strada, attenzione a queste infrazioni che fanno perdere i punti

Immaginiamo di ritrovarsi tra amici per andare a un concerto, oppure a ballare. Viaggiare con un’auto sola può essere molto comodo, non solo per risparmiare di carburante ma anche – ad esempio – per trovare meglio il parcheggio.

Se però gli amici sono “troppi” si rischiano fino a 2 punti della patente. Infatti, se si viene “pizzicati” in 5 quando l’auto è predisposta per soli 4 posti scatta subito la sanzione. E volano via i due punti. Non sono tantissimi, ne rimangono 18. Ma basta fare altre infrazioni in un anno (da almeno 5 punti) e scatta comunque l’obbligo di tornare a scuola guida.

Un altro “errore” che commettiamo più o meno tutti – gravissimo – è quello di usare il cellulare mentre si guida. È una abitudine pessima, davvero pericolosa, perché distrae e può portare a conseguenze anche molto gravi. In quanto a punti, invece, ne vanno via 5 seduta stante. Meglio evitare, ma soprattutto per non fare incidenti.

Basti pensare che da un‘indagine dell’Aci, in Italia 3 incidenti su 4 sono causati dalla distrazione dei conducenti, e tra le “distrazioni” troviamo al primo posto proprio i telefonini.

Neopatentati: per loro decurtazione del doppio dei punti

Sono tante le infrazioni che possono portare al “taglio” dei punti, anche a 10 tutti insieme. Ad esempio il superamento del limite di velocità di parecchi chilometri all’ora, o anche imboccare una strada contromano. In più, in casi come questi, le sanzioni che accompagnano la decurtazione dei punti sono piuttosto salate, e arrivano a diverse migliaia di Euro.

I neopatentati, inoltre, rischiano ancora di più. Perché se commettono una delle infrazioni per cui sono previsti tagli ai punti, ne perdono esattamente il doppio. Certo, i punti persi si possono sempre recuperare. Si dovrà però frequentare un corso. Per la patente B sono necessarie almeno 12 ore di lezioni. Per le patenti di altro grado, ce ne vogliono 18. Facendo così, si recuperano 6 punti.