Diesel, l’incredibile alternativa: funziona ed è legale?

Diesel, l’alternativa da utilizzare. Un ritorno al passato con delle regole da rispettare, scopriamo quali.

Fare rifornimento con l’olio da cucina piuttosto che con il gasolio. Una soluzione economica da valutare durante i rincari del carburante. Cosa ne pensano gli esperti?

olio da cucina diesel
Pixabay

Quando si parla di risparmio occorre fare un salto indietro nel tempo per riscoprire vecchie indicazioni utilizzate durante i tempi più duri. Con i numerosi rincari che stanno colpendo le famiglie italiane e le imprese, l’economia non è un’opzione ma una necessità per non sperperare tutti i risparmi. Da qui l’esigenza di riscoprire tecniche di conservazione della pasta oppure vecchi trucchi per cucinare risparmiando gas. Quando si parla di carburante, poi, gli escamotage sono necessari visto gli aumenti oltre i due euro sia per il diesel che per la benzina. Tante persone si stanno ricordando di una vecchia alternativa usata in sostituzione del gasolio, l’olio da cucina.

Diesel, l’alternativa è l’olio da cucina?

Gli esperti dell’Automobile Club Tedesco hanno risposto ai quesiti posti da diversi automobilisti in relazione all’utilizzo di olio da cucina come alternativa al diesel. Ebbene, il trucchetto è possibile ma occorre tener conto di un dettaglio fondamentale, l’età del motore. I ricordi risalgono sicuramente ai motori diesel a precamera oppure a iniezione indiretta. Si parla di modelli piuttosto vecchi che sono stati sostituiti da nuovi sistemi e pressioni di alimentazione. La combustione del gasolio è migliorata, si sono ridotte le emissioni ma nello stesso tempo le tolleranze si sono ridotte. Ciò significa che se diversi anni fa il motore diesel riusciva ad accettare delle variazioni nel carburante – come ad esempio l’olio di colza – oggi i rischi sono decisamente maggiori dei vantaggi.

Gli attuali motori a gasolio non tollerano olio da cucina, vegetale oppure olio combustibile. Tutti i combustibili utilizzabili come alternativa al diesel sono elencati nel libretto delle istruzione dei veicoli di proprietà.

Le conseguenze di una scelta sbagliata

Gli oli da cucina o vegetali utilizzati al posto del diesel provocano una diminuzione delle prestazioni, difficoltà di avviamento del veicolo e un mal funzionamento della pompa ad alta pressione e degli ugelli degli iniettori. Queste parti del motore non sono progettate per funzionare con combustibili come l’olio da cucina dato che presentano una viscosità maggiore. 

Oltre al calo delle prestazioni, a lungo andare si noterà un aumento dello stato di usura del sistema di alimentazione. Si possono formare depositi e ostruzioni nelle tubazioni e nel filtro del diesel, l’olio motore si potrebbe inquinare e le guarnizione potrebbero essere deteriorate dall’olio vegetale. In conclusione, il ricordo che identifica l’olio da cucina come alternativa al diesel non è del tutto errata ma si riferisce a vecchi motori oggi non più utilizzati.