Bonifico dal tabaccaio, ora si può ma attenzione: oltre ai pro ci sono i contro

Il nuovo servizio T-Bonifico consentirà di effettuare ordini di pagamento anche dal tabaccaio. Occhio però ai costi di commissione.

 

Le insegne luminose con la classica T bianca campeggiante sono fra le più identificative. Il riferimento, chiaramente, è alla presenza di un tabacchi (o tabaccaio, che dir si voglia).

Pagamento bonifico tabaccaio
Foto © AdobeStock

Un nome decisamente riduttivo. Perché se è vero che l’esercente in questione è autorizzato alla vendita di sigarette e affini, è vero pure che, di recente, i servizi offerti si sono moltiplicati. Dall’abilitazione per le ricariche telefoniche alla distribuzione delle marche da bollo (qualcuno fornisce ancora persino i francobolli), i tabacchi consentono anche di effettuare dei pagamenti. Alcuni particolari bollettini, infatti, possono essere pagati tramite bancomat o contanti direttamente attraverso i dispositivi di lettura a disposizione degli esercenti, a fronte di una commissione applicata sul costo complessivo della transazione. Un vantaggio, senza dubbio, visto che il tabaccaio consente di pagare ad esempio una bolletta senza la necessità di recarsi alla Posta o di dover domiciliare il pagamento.

Non è tutto qui però. I tabacchi, infatti, sono pronti a mettere a disposizione il nuovo servizio T-Bonifico che, come suggerisce il nome, consentirà di fare bonifici sia in contanti che con carte di credito e di debito, a favore di conti correnti di banche nazionali e applicando commissioni differenti. Una possibilità che, come avviene per i pagamenti dei bollettini, permetterà senz’altro di risparmiare code agli uffici postali o alle banche. Inoltre, permetterà a qualunque cittadino di trasferire i propri soldi in maniera semplice e rapida. Certo, va detto che a fronte di un risparmio in termini di tempo, potrebbe non corrisponderne uno sul piano dei costi.

Bonifico dal tabaccaio: vantaggi e svantaggi del nuovo servizio

La procedura è semplicissima. Niente moduli né file, se non quella necessaria ad arrivare alla ricevitoria. Per fare il bonifico basterà recarsi al tabaccaio, indicare il conto corrente del beneficiario e dare una conferma per avviare l’operazione. Si tratta di un servizio riservato esclusivamente ai clienti occasionali che, però, non sarà gratuito né privo di commissioni. Al tabaccaio verrà infatti concesso un compenso, mentre il bonifico implicherà un sovrapprezzo. Nello specifico, le commissioni vanno dai 3,50 euro necessari per chi effettua un bonifico in contanti verso un’altra banca, ai 2,90 per i bonifici con carta di credito o debito. Un solo euro, invece, per un pagamento a favore della banca ITB.

Attenzione anche alle tempistiche di accredito. I tempi sono infatti variabili, in base alla banca del destinatario del bonifico. Ad esempio, qualora l’ordine di pagamento sia rivolto verso Altra Banca, l’importo sarà corrisposto nel primo giorno lavorativo successivo all’ordine, a patto che l’ordine arrivi entro le 19. In caso contrario, o di giorno festivo, il pagamento scatterà il secondo giorno. Verso Banca ITB, invece, il bonifico partirà immediatamente, secondo le modalità dell’accredito prioritario. Ultima variabile da tenere in considerazione è il limite dei soldi trasferibili: il minimo richiesto per un’operazione singola è di 250 euro. L’importo totale giornaliero non dovrà superare i 500 euro.