Bolletta del gas non pagata: quanto tempo passa prima di perdere il servizio

Non resteremo subito senza poter cucinare, ma ecco cosa prevede la Legge, qualora non pagassimo la bolletta del gas.

Sembrerà strano, ma prima che stacchino il gas, per non averne pagato il corrispettivo in bolletta, ci vuole davvero tempo. Ovviamente, la compagnia fornitrice non potrà staccarcelo al primo giorno di non avvenuto pagamento, ma neanche immaginiamo che i tempi possano essere così lunghi.

Gas (Getty Images)
Gas (Getty Images)

Questo, non avviene perché chi ce lo fornisce decide di essere clemente, ma solo perché il fornitore deve inviare la diffida, e poi seguire un bell’iter stressante, per poterci lasciare senza materia. Inoltre, ricordiamo che con i nuovi frazionamenti, non conviene non pagare bollette di luce e gas.

“90 euro sono pochi”: Canone Rai, altro che cancellato, potrebbe aumentare

Bolletta del gas: tutti gli svantaggi se non pago

Generalmente, la bolletta del gas ha cadenza bimestrale. Il fornitore, ci invia dati di consumi, pagamento dovuto ed ovviamente, ci indica anche una scadenza. Se paghiamo pochi giorni dopo la scadenza, non dovremmo avere grandi problemi. Le prime difficoltà nascono quando non avremo pagato diverse bollette consecutive. In tal caso, prima o poi dovremo aspettarci che ci venga staccata la fornitura.

In questo caso, non si rischiano pignoramenti gravi, come quando non paghiamo una multa, ma comunque inizieremo ad avere disagi. I tempi comunque sono lunghi, parliamo di almeno venti giorni. Però tutto non avviene subito. Se dimentichiamo una sola bolletta, la società continua ad inviarci gas, con un sollecito alla prossima. Ma se pagassimo tutto, non avverrebbe poi nulla di sconveniente. A partire dal sollecito però, l’utente ha venti giorni per pagare, altrimenti arriva il secondo sollecito.

Isee troppo alto? Si può far scendere, legalmente

Nel totale, diciamo che dal primo giorno in cui non avremo pagato, a quando effettivamente ci staccheranno il gas, passeranno circa due mesi. L’unico motivo per non pagare a ragione del consumatore, sono eventuali mancanze di comunicazione dell’avvenuto pagamento o se il cliente non ha ricevuto il sollecito di pagamento via raccomandata. Ad ogni modo, quando non dovessimo pagare questa fornitura, non verremmo segnalati come cattivi pagatori. Ciò che accadrà è che la società si affidi ad un recupero crediti autorizzato, per avere tutti i soldi che non abbiamo versato.