Quanto guadagna il Presidente del Parlamento Europeo? Lo stipendio non cambia dal 2009

Il lutto improvviso che ha investito il Parlamento Europeo ha fatto scattare l’elezione del nuovo Presidente. Quanto guadagnerà Roberta Metsola?Parlamento Europeo

Roberta Metsola è il nome più menzionato negli ultimi giorni in rete e su tutti i canali d’informazione. Questo perché, a seguito della morte del Presidente Europarlamentare David Sassoli, la donna è stata eletta per prendere il suo posto. Si tratta della più giovane donna nella storia europea insignita della carica più alta dell’Europarlamento. Già dopo la prima votazione – e dopo che Kosma Złotowski aveva ritirato la sua candidatura – ha ricevuto una maggioranza di 458 voti su 616 voti validi. Da oggi e per i prossimi 2 anni e mezzo, dunque, guiderà l’istituzione. Ed ecco quanto prenderà di stipendio.

Come viene eletto il Presidente del Parlamento Europeo?

Le procedure per eleggere i candidati alla carica di Presidente sono molto semplici. I gruppi politici o i gruppi di deputati che che raggiungono la cosiddetta “soglia bassa”, ovvero il 5% dei seggi, fanno i loro nomi. In questa occasione, dopo il ritiro di Kosma Zlotowski, si contendevano il ruolo di Presidente la poi eletta Roberta Metsola (PPE, MT), Alice Bah Kuhnke (Verdi/ALE, SE) e Sira Rego (La Sinistra, ES).  Il Presidente attuale, come sempre, è stato eletto grazie alla maggioranza assoluta ottenuta dai voti validi, ovvero del 50% più uno, espressi segretamente.

La Metsola è risultata vincitrice già al primo turno di votazioni, ma le regole del Parlamento europeo prevedono fino a 3 turni di votazioni per arrivare al nominativo finale. Se dopo questi 3 turni non è ancora stata raggiunta la maggioranza dei voti, vengono individuati i 2 candidati che hanno ricevuto più consensi e verranno sottoposti ad una quarta – e ultima votazione – in cui dovrà per forza emergere il nome del nuovo Presidente.

Le dichiarazioni della neo Presidente Roberta Metsola

Immediatamente dopo le votazioni, e ricordando lo scomparso David Sassoli, la neo eletta Presidente dell’Europarlamento Roberta Metsola ha dichiarato: “Onorerò David Sassoli come presidente battendomi sempre per l’Europa. Voglio che le persone recuperino un senso di fede ed entusiasmo nei confronti del nostro progetto. Credo in uno spazio condiviso più giusto, equo e solidale. La disinformazione nel periodo pandemico ha alimentato isolazionismo e nazionalismo, queste sono false illusioni, l’Europa è l’esatto opposto di questo. Rappresenta tutti noi che ci difendiamo l’un l’altro, che avviciniamo i nostri popoli.

Si tratta di difendere i principi dei nostri padri e madri fondatori, che ci hanno portato dalle ceneri della guerra e dell’olocausto alla pace, alla speranza e alla prosperità. […] Ventidue anni fa, Nicole Fontaine è stata eletta, 20 anni dopo Simone Veil. Non passeranno altri due decenni prima che la prossima donna sia qui”. Ma di cosa si occuperà precisamente la Presidente? E quanto guadagnerà per ricoprire questa carica? Andiamo a scoprirlo.

Quali sono i compiti affidati al Presidente del Parlamento Europeo?

Il Presidente del Parlamento è la figura con la più alta carica all’interno del cosiddetto ufficio di presidenza, composto da 14 vicepresidenti e da 6 questori, che vengono eletti dall’assemblea e rimangono in carica per 2 anni e mezzo, con la possibilità di rinnovo di candidatura per le elezioni successive. Il Presidente, presente ad ogni votazione inerente le delibere dell’Ufficio, ha un potere in più rispetto a quello degli altri componenti, ovvero in caso di parità di voto risulta preponderante e decisivo.

Le tipologie di delibere affrontate nell’ufficio di presidenza sono di vario tipo, e sono inerenti soprattutto al comparto amministrativo e finanziario del Parlamento Europeo. Solitamente, le riunioni dell’Ufficio avvengono 2 volte al mese, tranne casi di urgenza. Qualsiasi processo verbale discusso nell’Ufficio di presidenza è tradotto in tutte le lingue e messo a disposizione dei deputati, i quali possono presentare interrogazioni attinenti a suddette attività promosse dall’Ufficio di presidenza.

La carriera di Roberta Metsola

Roberta Metsola era già stata la prima vicepresidente del Parlamento Europeo, col grado più alto tra i 15 vicepresidenti. Entrata in Parlamento nel 2013, e Avvocato esperto di Diritto Europeo, è stata anche consigliera dell’Alto rappresentante per gli Affari europei, Catherine Ashton. Con la sua elezione a Presidente, ad oggi l’Europa vanta la seconda Presidente donna, considerando Ursula von der Leyen che è alla guida della Commissione. La Metsola è la terza donna eletta Presidente del Parlamento europeo, dopo Simone Veil e Nicole Fontaine.

Lo stipendio di Roberta Metsola, il nuovo Presidente del Parlamento Europeo

Considerando le paghe spettanti al Presidente della Repubblica italiana, verrebbe da pensare che in Europa i Parlamentari godano di maggiori benefici, anche economici. In realtà, la paga spettante a tali figure è erogata in base ad uno statuto unico che è in vigore dal 2009. Stabilisce la medesima retribuzione per tutti i deputati al Parlamento. Questo compenso è individuato in 8.895,39€ lordi, ovvero circa 7.0000€ netti. Anche perché il compenso lordo è decurtato da vari tipi di imposte, che possono variare in base al Paese d’origine del deputato.

È comunque ancora in essere una eccezione: se un deputato deteneva un seggio in Parlamento prima del 2009 può scegliere di mantenere il precedente sistema per la retribuzione, l’indennità transitoria e la pensione. L’età pensionabile dei deputati, questa scatta al compimento dei 63 anni. Si calcola al 3,5% della retribuzione per ciascun anno completo di esercizio del mandato; in ogni caso non può essere superiore, in totale, al 70%. Il costo delle pensioni è a carico del bilancio dell’Unione europea.