Lavorare con gli animali: tante opportunità ben pagate, anche senza laurea

Chi di noi non ha mai sognato di lavorare con gli animali? Cani, gatti e non solo, soni capaci di costruire con noi un rapporto di affetto, di umanità, di comunicazione, a dir poco straordinario. 

Veterinario
Lavorare con gli animali oggi

Lavorare con gli animali è il desiderio di tanti e le possibilità per realizzare il proprio sogno certo non mancano. Gli amanti degli animali, infatti, possono scegliere tra diverse opportunità occupazionali a seconda delle proprie passioni ed esigenze.

Dall’ambito sanitario a quello della cura e del benessere, sono in tanti a chiedersi se la loro passione per gli animali e la natura possa trasformarsi in un’occupazione. Di possibilità ne esistono molte: dalle più conosciute, come quella di iniziare una carriera da veterinario o dog sitter, ad altre che molti potrebbero non aver nemmeno considerato.

Lavorare con gli animali: dalla sanità, alla cura, al benessere

Vedremo alcune delle migliori opportunità per lavorare con la natura e a contatto con gli animali, soffermandoci prima sui corsi e sulle università che è possibile seguire per specializzarsi in questi mestieri, fino a entrare nel dettaglio dei singoli lavori, anche senza essere in possesso di particolari requisiti.

Scelta nobile che parte dal cuore

Lavorare con gli animali è sicuramente una scelta molto nobile, spesso dettata dalla volontà di prendersi cura degli altri e di trascorrere il proprio tempo dedicandosi a valori semplici, come quello dell’amore per la natura e per il prossimo. Sono tanti, inoltre, i benefici che si ricevono in cambio, quando si sceglie di dedicarsi a lavori a contatto con gli animali: benessere, gratitudine, amore incondizionato.

I vantaggi di lavorare con gli animali

Altrettanto importante per intraprendere lavori di questo tipo è però assicurarsi in anticipo di avere i requisiti adatti: ogni singolo mestiere può infatti richiedere diverse competenze, acquisibili attraverso dei corsi o delle lauree specifiche. Vediamo insieme alcune delle opportunità di studio disponibili in Italia.

Capita di esser stanchi della solita vita, di avere voglia di cambiare tutto e di recuperare il contatto con la natura, di fare una professione diversa e, perché no, correre qualche rischio. Se poi ami da impazzire le ore trascorse con il tuo cane o capisci al volo gli sguardi del tuo gatto, potresti considerare d’iniziare una nuova attività che ti tenga costantemente in contatto con gli animali.

I vantaggi di avere una lavoro a contatto con gli animali sono tanti:

  1. salute migliore
  2. maggiore soddisfazione affettiva
  3. avere un lavoro in proprio

Il fattore umano non basta, occorrono competenze specifiche

Lavorare con gli animali è sicuramente una scelta molto nobile, spesso dettata dalla volontà di prendersi cura degli altri e di trascorrere il proprio tempo dedicandosi a valori semplici, come quello dell’amore per la natura e per il prossimo. Sono tanti, inoltre, i benefici che si ricevono in cambio, quando si sceglie di dedicarsi a lavori a contatto con gli animali: benessere, gratitudine, amore incondizionato.

Altrettanto importante per intraprendere lavori di questo tipo è però assicurarsi in anticipo di avere i requisiti adatti: ogni singolo mestiere può infatti richiedere diverse competenze, acquisibili attraverso dei corsi o delle lauree specifiche. Vediamo insieme alcune delle opportunità di studio disponibili in Italia.

Quanto guadagna un veterinario?

I veterinari professionisti con un proprio ambulatorio non registrano un fatturato medio particolarmente alto. In media, infatti, i veterinari professionisti con propri ambulatori guadagnano circa 1.600-1.700 euro al mese netti, per un guadagnano lordo annuo di circa 20-22mila euro.

Quanto guadagna un biologo marino?

Non è semplice riuscire a definire quanto guadagna un biologo marino, essendo un tipo di lavoro molto versatile e che si adatta a più realtà molto diverse tra loro. Diciamo però che un biologo marino entry-level, quindi a inizio carriera può aspettarsi uno stipendio di 12 500€ l’anno, non tanto diverso quindi da un cameriere stagionale.

Con il tempo, però (e con il dottorato di ricerca!) le prospettive possono cambiare notevolmente, e un biologo marino può arrivare a guadagnare anche tra i 35 000 e i 50 000€ l’anno!

Quanto guadagna uno zoologo?

Un Biologo, botanico, zoologo ed assimilati percepisce generalmente tra 1.051 € e 1.944 € lordi il mese all’inizio del rapporto di lavoro. Dopo 5 anni, la retribuzione è tra 1.249 € e 2.262 € il mese per una settimana lavorativa di 40 ore.

Lavorare con gli animali senza una laurea

Tecnici e assistenti veterinari percepiscono generalmente tra 721 € e 1.400 € lordi il mese all’inizio del rapporto di lavoro. Dopo 5 anni, la retribuzione è tra 907 € e 1.766 € il mese per una settimana lavorativa di 40 ore.

Stipendio medio di un addestratore cinofilo

Sebbene non sia possibile fornire una cifra esatta, perché le variabili da considerare sono molte, indicativamente possiamo affermare che un semplice addestratore cinofilo può guadagnare dai 700 ai 1000 euro mensili.

Stipendio medio di un pet therapist

Gli operatori di pet therapy possono avere una paga oraria o uno stipendio fisso mensile, a seconda se lavorano in proprio o presso un ente assistenziale. Le retribuzioni orarie in genere partono da € 15,46 e salgono fino a € 43,64. Uno stipendio mensile può aggirarsi intorno ai 1.500/2.000 euro mensili.

Stipendio medio di un allevatore di cani

Il guadagno può variare molto, da un minimo di 200 euro fino ad un massimo di 3.000 euro. Il costo incide molto sul tipo di servizio offerto, sul luogo dell’allevamento e sulla razza del cane

I guadagni di un dog sitter

Di media, un dog sitter o un cat sitter può partire da uno stipendio minimo di 7 € all’ora, mentre lo stipendio massimo può superare i 18 € all’ora.
La media è di 11 euro al giorno a domicilio del proprietario dell’animale o se il pet sitter ospita l’animale a casa propria.

I guadagni di un addetto alla cura degli animali

Il personale addetto alla cura degli animali nutre, gestisce, addestra e striglia gli animali, assiste i veterinari, i tecnologi della salute animale ed i tecnici nelle strutture veterinarie.

Lavora ogni giorno nei ricoveri per animali, nei canili, negli zoo, nei laboratori, nei negozi di animali, nelle scuole di equitazione, nelle scuole di addestramento per cani, nei saloni di toelettatura e in strutture simili.

  • Lo stipendio minimo e massimo di un Personale addetto alla cura degli animali – da 958 € a 2.514 € al mese – 2022.
  • Un personale addetto alla cura degli animali percepisce generalmente tra 958 € e 1.582 € lordi il mese all’inizio del rapporto di lavoro.
  • Dopo 5 anni, la retribuzione è tra 1.132 € e 1.842 € il mese per una settimana lavorativa di 40 ore.

I guadagni di un guardiano di uno zoo

In media, un guardiano dello zoo guadagna circa 27.000 euro lordi all’anno, ma la retribuzione varia in base all’esperienza e al costo della vita della regione in cui si trova lo zoo. Un addetto allo zoo esegue mansioni molto diverse ogni giorno.

Lavorare presso un rifugio e un canile

Lavorare presso un canile non è un lavoro che molti non prendono in considerazione anche se, in realtà, offre molte possibilità soprattutto perché è flessibile e da la possibilità di svolgerlo su turni che variano di giorno in giorno. Molti non ci hanno mai pensato, ma lavorare in un canile, se da un lato è impegnativo e richiede una responsabilità costante, dall’altro da notevoli soddisfazioni in quanto si ha a che fare con cani che sanno sempre essere riconoscenti delle azioni svolte nei loro confronti.

Conoscenze di base per lavorare in un rifugio di cani

Come conoscenze di base per lavorare in un canile non ve ne sono molte da elencare. Anche perché qui i lavori da fare sono per lo più manuali, e una volta visti sono facili da metterli in pratica.

Infatti occorre tenere pulite le gabbie degli animali, portare a spasso gli animali a quattro zampe o aiutare i visitatori a risolvere eventuali dubbi non sono attività che richiedano dei requisiti particolari.

Ovviamente però per chi vuol fare questo lavoro a tempo pieno, o vuole aprire un canile tutto suo, deve sapere quali siano le regole da rispettare.

Deve conoscere cosa fa bene alla salute del cane e cosa invece gli nuoce, quali siano i principi legislativi fondamentali su cui si basano le adozioni degli animali.

Insomma si tratta di piccole cose che si possono imparare con la pratica, ma che risultano molto utili nel tempo. Questo perché vanno ad ingrandire il bagaglio delle esperienze di chi ha la fortuna di approcciarsi a questo tipo di lavoro.

Imprenditori nel settore degli animali, perché no?

E se decidessimo di investire in una nostra attività legati al mondo degli animali? In questo campo le strade sono numerose e il guadagno per fare qualcosa che ami potrebbe essere sorprendente.

Con un investimento iniziale non troppo elevato è possibile mettere in piedi una piccola attività e farla crescere con il tempo.

Ovviamente bisogna essere qualificati per lavori così delicati ma più studi, più ti specializzi, meglio sarai pagato!

LEGGI ANCHE >>> Badante, se ne cercano sempre di più: non servono solo doti umane e capacità di comunicazione

Corsi di studi a disposizione per lavorare con gli animali

Se il vostro desiderio è quello di svolgere una delle professioni elencate, vi basterà cercare su internet tra la ricchissima offerta di corsi professionalizzanti per lavorare con gli animali, promossi da diversi enti di formazione. Prima di iscrivervi a un corso, però, valutatene la serietà e le certificazioni di cui dispone, anche se, ai fini della formazione, non sempre è necessario che i titoli rilasciati abbiano riconoscimento giuridico.

Va ricordato, infine, che siamo in un periodo storico favorevole per lavorare con gli animali perché, negli anni, sono diventati una parte sempre più importante della nostra vita e non è un caso che ci troviamo dinanzi ad un campo così ricco di opportunità diverse tra loro.

Ad ogni modo, qualsiasi strada decidiate di intraprendere, oltre alla passione e alla competenza, fondamentale sarà l’empatia con gli animali e anche con i loro padroni.