Luce e gas, stangata in arrivo, ma c’è chi si salva: il Bonus bollette 2022

Bollette luce e gas, tutte le novità del bonus pensato dal Governo, per gli aumenti del prezzo del gas naturale.

bollette luce gas
Foto © AdobeStock

Aumento del prezzo del gas, niente paura, il Governo italiano ci ha già pensato e mette in atto la nuova Manovra. Dal 2022, cambieranno alcune cose, sperando ovviamente che possano essere d’aiuto per i cittadini. In questo caso specifico, parleremo dei bonus per bollette di luce e gas.

Con l’avvento di un nuovo anno, c’è sempre da consultare un po’ le pagine del Fisco, perché appunto potrebbero esserci novità o anche cose da sapere come gli errori da non commettere con l’ISEE per non trovarsi a pagare una pioggia di sanzioni. Ecco allora, cosa ci riserverà il 2022.

Bollette: ecco i bonus del nuovo anno

Si parte dalle famiglie. Quelle più in difficoltà, avranno l’occasione di pagare le bollette in 10 rate. Ma la Manovra, mette in campo in totale, 3,8 miliardi di euro. Ecco cos’altro accadrà. Prima, vi suggeriamo di capire chi può chiedere questo bonus e come farlo. Ora è bene capire che il bonus bollette 2022 è un sostegno che permette una riduzione delle aliquote relative agli oneri generali di sistema, con possibilità di pagare le bollette a rate e scontate sull’IVA metano.

L’Arera, nel primo trimestre cancellerà gli oneri di sistema per le utenze della luce fino a 16kwh, per famiglie e piccole imprese. Le famiglie aventi diritto, saranno quelle con un Isee al di sotto di 8.265 euro annui. Per i nuclei numerosi, il limite da rispettare è 20.000 euro annui e almeno 4 figli, ed anche per chi beneficia del reddito o della pensione di cittadinanza e gli utenti in condizioni di salute precarie che utilizzano apparecchiature elettromedicali. Nello specifico, le famiglie con meno possibilità, riusciranno a rateizzare i pagamenti per le fatture valide dall’1 gennaio al 30 aprile del 2022.

LEGGI ANCHE>>> Bonus psicologo? Ecco che fine farà l’incentivo che tutti aspettavano

Il Governo ha come obiettivo, di non far sentire quindi il peso dell’inflazione ai propri cittadini, almeno per il primo trimestre dell’anno. Per quanto invece concerne, il gas metano, questo se usato per combustione per usi civili e industriali, per i suoi consumi sempre inerenti i mesi di gennaio, febbraio e marzo 2022 verrà applicata un’aliquota Iva del 5%, altra misura che sicuramente in piccolo, riuscirà a ridurre i costi del singolo contribuente.