Truffe bancomat in aumento: come prelevare in modo sicuro i propri soldi

Le truffe del bancomat sono in aumento e proteggere i prelievi da occhi indiscreti è diventata una priorità. Vediamo come prelevare in sicurezza evitando che il PIN finisca nelle mani sbagliate.

truffa bancomat
Adobe Stock

La nostra sicurezza e quella dei nostri dati personali è costantemente sotto attacco. Hacker e cyber criminali escogitano piani machiavellici per tentare di rubare informazioni, password e pin ad ignare vittime in modo tale da potersi garantire l’accesso ai conti correnti oppure alle carte di credito dei malcapitati. Il metodo più utilizzato dai truffatori è il phishing, l’invio di e-mail che nascondono una trappola, ma spesso l’occhio indiscreto si cela dietro un semplice prelievo presso uno sportello Atm. I furti di PIN sono in costante aumento e ciò significa che l’attenzione deve essere più che mai alta per garantire la sicurezza delle operazioni.

Truffe del bancomat, come tutelarsi

La fantasia dei criminali è fervida e periodicamente vengono escogitati nuovi raggiri e sistemi per carpire i dati dei malcapitati. Durante un prelievo al bancomat si può cadere vittima di un furto del PIN che può essere messo in atto con diverse tecniche. Attenzione, dunque, alla tastiera removibile oppure al pezzo di plastica posto intorno alla slot dello sportello. Massima concentrazione, poi, sulla copertura della tastiera nel momento in cui viene digitato il PIN. La presenza di eventuali telecamere potrebbe rendere semplice per i malfattori rubare il codice.

Una delle tecniche più sofisticate utilizzate negli ultimi anni è proprio quella dello skimming. Un mini-lettore viene integrato nella slot in cui viene inserita la carta Bancomat. Lo strumento è in grado di copiare la traccia della tessera mentre con la telecamera nascosta si ruberà il PIN. Con questi due elementi gli hacker saranno in grado di replicare esattamente il Bancomat.

Leggi anche >>> Bancomat, truffa da un milione di euro: come si cade vittima del raggiro

I raggiri continuano…

I truffatori potrebbero aver posizionato una falsa tastiera sopra quella vera per copiare il codice digitato. Alternativa spesso vincente è distogliere il malcapitato da ciò che sta facendo con una domanda o un elemento distrattivo per estrarre velocemente la tessera e rubarla. Diventa fondamentale per prelevare in sicurezza ed evitare le truffe del bancomat effettuare le operazioni di giorno, in luoghi non isolati e soprattutto in quartieri che offrono maggiore tranquillità.

L’attenzione, dunque, non deve essere posta solo sullo sportello Atm ma su tutto l’ambiente circostante per una sicurezza a 360°.