Legge 104, attenzione a questi errori: le sanzioni (pesantissime) sono dietro l’angolo

Permessi retribuiti, assegni e pensioni. Le agevolazioni previste dalla Legge 104 sono numerose. Così come lo sono le sanzioni in caso di violazioni.

Legge 104 sanzioni
Foto © AdobeStock

Un aiuto non solo per chi è in condizione di invalidità ma anche per chi li assiste. Il concetto di fondo della Legge 104 è senz’altro onorevole. E, in effetti, le agevolazioni concesse sono importanti. Si va dai permessi retribuiti per i caregiver che svolgono assistenza domestica ai propri familiari a degli assegni destinati a chi soffre determinate patologie, in base alla percentuale di invalidità che esse determinano. Inoltre, lo Stato prevede sgravi fiscali, aiuti finanziari, pensioni ad hoc: tutto pensato per alleviare le preoccupazioni di chi patisce le condizioni di invalidità riconosciute. Inoltre, accanto alle agevolazioni di tipo economico, se ne affiancano altre che possono facilitare le cose nel mondo lavorativo.

E’ chiaro che, prima di ricevere determinate agevolazioni, vadano presentate dichiarazioni inequivocabili, sia sul piano reddituale che sanitario. Non è un dettaglio perché saranno proprio tali dichiarazioni a fare la differenza nel momento in cui gli enti preposti dovessero effettuare delle verifiche. Anzi, in alcuni casi potrebbero essere proprio delle incongruenze a farli scattare, portando a delle sanzioni estremamente pesanti in caso si accertino delle mancanze. O peggio, delle omissioni.

Legge 104, occhio ai dettagli: ecco cosa non va assolutamente dimenticato

Sarà l’Agenzia delle Entrate a verificare che tutto proceda secondo i piani. L’ente, infatti, dispone di default di alcuni dati e, per questo, può eseguire un raffronto tra quanto dichiarato e quanto invece risulta dalle certificazioni presentate per l’ottenimento dell’agevolazione. L’accertamento di eventuali dichiarazioni mendaci, farebbe in prima battuta decadere il diritto alle indennità previste dalla Legge 104. E, in secondo luogo, portare a dover pagare delle sanzioni anche molto pesanti, in quanto si starebbe di fatto violando quanto richiesto in termini di legge. Per questo prestare attenzione massima in fase di compilazione delle richieste diventa vitale.

LEGGI ANCHE >>> Legge 104, bonus Inps fino a 1.050 euro per chi presenta questa documentazione

Per quanto riguarda le sanzioni, se di natura pecuniaria gli importi varieranno in base alla natura della violazione. Per quanto riguarda i risvolti penali, di questi si fa menzione all’articolo 316-ter del Codice penale, dove si specifica una variabilità da 6 mesi a 3 anni di reclusione. Di nuovo, si ragiona in base alla violazione effettuata, con il comune denominatore di aver ricevuto il sostegno indebitamente. Le sanzioni pecuniarie vanno invece dai 5.164 ai 25.822 euro. Importi estremamente pesanti, proporzionati alla gravità di una dichiarazione mendace volta a ottenere un’agevolazione (come quella della Legge 104) senza averne diritto. Va detto che i controlli verranno eseguiti anche sulla base di una semplice incongruenza. Agire nell’onestà conviene sempre.