Non alzate quella cornetta: potreste perdere moltissimo denaro

Tra i tanti tentativi di raggiro merita una menzione particolare la truffa al telefono che seppur intuibile riesce ancora a mietere diverse vittime

Truffa al telefono
Fonte Adobe Stock

I numerosi strumenti a tecnologici di cui disponiamo al giorno d’oggi se usati in determinati modi possono provocare dei danni spaventosi. Basti pensare alle numerose truffe che avvengono tramite la rete o semplicemente con un sms.

Meccanismi di cui le generazioni più avanti con l’età non capiscono molto, ragion per cui spesso cadono nella rete dei cybercriminali. Il phishing ormai va sempre più di moda e nonostante ormai siano reperibili diverse informazioni a riguardo, la percentuale di raggiro è ancora piuttosto alta.

Truffa al telefono: come si sviluppa la subdola tecnica

Alle volte però per ridurre i tempi e per ridurre i rischi di essere intercettati dalle forze dell’ordine, si opta per strategie più dirette. Ad esempio nell’ultimo periodo è andata in scena più volte la truffa del bancomat, che si concretizza davvero in pochi secondi.

Altri invece hanno deciso di affidarsi al telefono, riportando in auge un vero e proprio classico per quanto concerne i tentativi di inganno. In pratica si scelgono delle vittime ad hoc, preferibilmente persone anziane sole e le si chiama facendole credere che serve urgentemente del denaro per un nipote finito in ospedale.

Naturalmente questo è un esempio, si possono accampare tante altre scuse. L’importante è incutere timore alla gente, che spinta dal “finto” momento di emergenza decide di elargire il denaro senza troppi problemi. 

Il passaggio successivo è il ritiro dei contanti, che avviene poco dopo la conversazione telefonica. I malviventi infatti incaricano un loro complice, che passa direttamente presso il domicilio della vittima, che in cuor suo pensa di aiutare una persona cara.

LEGGI ANCHE >>> Truffe al telefono, la mossa dei falsi call center: danni a noi e alle aziende

Una volta messe le mani sui soldi, il “fattorino” fa perdere le sue tracce e quel punto la truffa è compiuta. Si tratta di una tecnica piuttosto datata, che purtroppo è stata rispolverata con successo.

Tenendo a mente questi passaggi però si può evitare che in futuro qualcun altro ci caschi. Il ruolo dei giovani è fondamentale a riguardo. Devono essere loro a dover spiegare ai più anziani come stare alla larga da certi pericoli.