Apparecchio acustico, ottenerlo gratis è possibile: l’agevolazione che in pochi conoscono

Ottenere un apparecchio acustico gratis, in determinate circostanze, è possibile. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

apparecchio acustico
Foto © AdobeStock

A partire dalla vista, passando per il gusto e il tatto, fino ad arrivare all’olfatto e all’udito, i cinque sensi rivestono, senz’ombra di dubbio un ruolo importante nella nostra vita. Proprio grazie ad essi, d’altronde, abbiamo la possibilità di percepire e conoscere ciò che ci circonda. In alcuni casi, però, può capitare di aver bisogno di alcuni strumenti che ci aiutino.

Tra questi si annovera l’apparecchio acustico, che comporta inevitabilmente dei costi. Proprio per questo motivo interesserà sapere che, in determinati casi, è possibile ottenerlo in modo del tutto gratuito o comunque usufruendo di un’importante agevolazione. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo chi ne ha diritto e soprattutto cosa c’è da sapere in merito.

Apparecchio acustico, ottenerlo gratis è possibile: tutto quello che c’è da sapere

Questi strumenti che permettono a molte persone anziane, e non solo, di sentire meglio comportano spesso dei costi particolarmente elevati, che purtroppo non tutti si possono permettere. Quest’ultimi, infatti, presentano in media prezzi che partono da circa 650 euro, fino ad arrivare a ben 2300 euro.

Proprio in questo ambito, pertanto, interesserà sapere che giunge in aiuto il Servizio Sanitario Nazionale. Quest’ultimo, infatti, eroga a favore di coloro aventi diritto un contributo a copertura parziale o totale per l’acquisto di un apparecchio acustico. In particolare hanno diritto ad ottenere tale apparecchio in modo del tutto gratuito, o comunque usufruendo di un notevole sconto, i seguenti soggetti:

  • invalidi civili, nel caso in cui l’ipoacusia risulti tra le cause invalidanti;
  • invalidi del lavoro con dispositivi erogati dall’Inail;
  • invalidi con una percentuale pari al 100% che devono sottoporsi ad un intervento protesico;
  • invalidi civili non in età lavorativa che sommando varie patologie, tra cui l’ipoacusia, si vedano riconoscere una invalidità superiore al 33,3%;
  • invalidi di guerra e di servizio;
  • minori, a prescindere dal grado di ipoacusia;
  • ricoverati presso strutture sanitarie accreditate, pubbliche e private.

Una volta effettuato il controllo dell’udito presso un centro acustico e ottenuto il certificato di invalidità, quindi, il soggetto interessato deve richiedere al medico base l’impegnativa per una visita otorinolarigoiatra con esame audiometrico e prescrizione dell’apparecchio acustico.

LEGGI ANCHE >>> Inps, con queste 3 malattie riconosce un assegno mensile: cosa c’è da sapere

L’audioprotesista del centro di riferimento, quindi, presenta un preventivo di spesa. Bisogna poi attendere l’ottenimento dell’autorizzazione alla fornitura dell’apparecchio a carico dell’Asl. Superata questa fase, si passa all’applicazione e al collaudo.