Occhio al mutuo in quanto la fregatura è sempre dietro l’angolo. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

mutuo rinegoziazione
Foto © AdobeStock

Casa dolce casa. Il posto dove poter staccare finalmente la spina dai vari impegni quotidiani e trascorrere dei momenti all’insegna del relax, in compagnia delle persone che più amiamo. Allo stesso tempo, però, non si può non valutare l’aspetto economico, dato che non sempre si dispone della somma di denaro necessaria per riuscire ad acquistarne una. In tale ambito, come noto, giunge in nostro aiuto il mutuo per la casa, che ci permette di realizzare il proprio sogno.

Anche una volta acquistata casa grazie al mutuo, però, non bisogna abbassare la guardia. Nel corso degli anni, infatti, può capitare di voler cambiare, in modo tale da poter usufruire di condizioni più vantaggiose. La fregatura, però, è sempre dietro l’angolo e per questo motivo si consiglia di prestare la massima attenzione e chiedere, eventualmente, informazioni ad un esperto del settore, in modo tale da fare la scelta più adatta alle proprie esigenze.

Mutuo, la fregatura è dietro l’angolo: occhio alle differenze fra rinegoziazione, surroga e sostituzione

La vita è ricca di imprevisti e per questo può capitare, nel corso degli anni, di voler, ad esempio, cambiare le condizioni del proprio mutuo, in modo tale da poter risparmiare un bel po’ di soldi. Proprio in questo ambito, al fine di evitare spiacevoli sorprese, è bene conoscere le differenze tra le varie opzioni disponibili, ovvero rinegoziazione, surroga e sostituzione. Entrando nei dettagli:

  • Rinegoziazione. In pratica vuol dire cambiare le condizione del mutuo con la stessa banca che lo ha erogato. Si tratta di un’operazione che non prevede costi, con il cliente che in genere chiede di rivedere il tasso di interesse, la durata del mutuo e la tipologia. Per poter beneficiare di tale misura non bisogna fare altro che inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno alla propria banca o comunque rivolgersi a quest’ultima e vedere se è disponibile o meno a concedere tale operazione. In caso di esito negativo è possibile optare per la surroga o sostituzione.
  • Surroga. Grazie a questa opzione è possibile spostare il proprio mutuo presso un’altra banca che offre condizioni più vantaggiose, ad esempio in termini di tasso di interesse e durata. Anche in questo caso non ci sono costi da sostenere e la banca con cui è attivo il mutuo non può rifiutare.
  • Sostituzione. A differenza della surroga, in caso di sostituzione si procede con la chiusura del mutuo esistente. Al contempo si accede ad un nuovo mutuo presso un’altra banca in grado di offrire condizioni più vantaggiose. A differenza delle due precedenti opzioni, però, in questo caso vi sono delle spese da sostenere. In particolare bisogna stipulare un nuovo atto notarile, ma anche pagare oneri accessori come istruttoria e perizia. In genere tale soluzione viene adottata da chi desidera ottenere un importo di mutuo più alto, oppure modificare intestatari e garanti.

LEGGI ANCHE >>> Bonus ed esenzioni, abbassare l’Isee in modo legale è possibile: 5 trucchi che in pochi conoscono 

Come abbiamo potuto notare, quindi, cambiare le condizioni del proprio mutuo nel corso degli anni è possibile. È bene, però, prestare attenzione alle varie caratteristiche, in modo tale da poter fare la scelta più adatta in base alle proprie esigenze e soprattutto tasche.