Buone notizie per molti percettori della pensione di reversibilità che si vedranno accreditare a dicembre fino a 655 euro in più. Ecco cosa c’è da sapere.

pensione reversibilità quattordicesima
Foto © AdobeStock

Dopo aver trascorso la maggior parte della propria esistenza a lavorare, è possibile, finalmente, staccare la spina e trascorrere del tempo in compagnia delle persone amate. A tal fine, infatti, giunge in aiuto la pensione che permette di attingere a quella fonte di reddito necessaria per pagare le varie spese.

A proposito del trattamento pensionistico, bisogna sapere che in caso di decesso, tale sussidio viene garantito, se aventi diritto, ai propri famigliari. Si tratta ovviamente della pensione di reversibilità. Ebbene, proprio molti percettori della pensione di reversibilità si vedranno accreditare a dicembre fino a 655 euro in più. Ma per quale motivo? Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere.

Pensione di reversibilità, c’è chi ha diritto fino a 655 euro in più grazie alla quattordicesima

Come già detto, la pensione di reversibilità si presenta come una forma di protezione per i superstiti, purché in possesso di determinati requisiti. Non bisogna prendere in considerazione solo il grado di parentela, ma anche alcuni requisiti di tipo economico. In alcuni casi, infatti, si può assistere addirittura a un taglio del 50% o del 25% dell’importo dell’assegno.

Questo avviene, ad esempio, se il beneficiario svolge attività lavorativa o produce altri redditi, per cui supera un determinato tetto. Ma non solo, l’importo può cambiare in seguito ad una variazione del nucleo famigliare. Dall’altro canto giungono buone notizie per molti titolari di questo tipo di trattamento economico che potranno beneficiare, a dicembre, di ben 655 euro in più. Ma per quale motivo?

Ebbene, questo è possibile grazie alla cosiddetta quattordicesima. Quest’ultima, ricordiamo, è rivolta a coloro che percepiscono importi particolarmente bassi e per cui hanno diritto ad ottenere questa somma di denaro aggiuntiva. Allo stesso tempo è bene ricordare che non hanno diritto alla quattordicesima i superstiti titolari di pensione diretta.

LEGGI ANCHE >>> Green pass obbligatorio sul lavoro, occhio alle conseguenze sulla pensione: scenario da incubo

Soffermandosi sull’importo, invece, cambia in base all’anzianità contributiva. In particolare, in presenza di un montante contributivo inferiore a 15 anni si ha diritto ad una quattordicesima di 437 euro. Oltre 25 anni di contributi, invece, si ha diritto ad un assegno extra pari a 655 euro.